Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 10 Dicembre 2018 - Aggiornato alle 15:06
MODICA - 06/03/2018
Attualità - "Una melagrana spaccata" ospitata nei saloni di Palazzo Grimaldi

Palazzo degli Studi in mostra con i disegni di Orazio Caruso

«Un lavoro prezioso, raffinato ed elegante che fa di questa mostra un cammeo di non poco conto» Foto Corrierediragusa.it

Il Palazzo degli Studi attraversato nella sua struttura (foto). I disegni di Orazio Caruso che presentano l’imponente edificio settecentesco di Corso Umberto non sono aridi o semplici rappresentazioni ma offrono una visione corale, intima dell’intero stabile. «Una melagrana spaccata», i nove disegni di studio in mostra presso il palazzo Grimaldi, offrono al visitatore la possibilità di conoscere a volo d’uccello un edificio spesso osservato solo dall’esterno. Uno studio ed un lavoro certosino quello di Orazio Caruso che si era precedentemente cimentato con strade e quartieri della città.

Scrive Paolo Nifosì nella sua presentazione: «Un lavoro prezioso, raffinato ed elegante che fanno di questa mostra un cammeo di non poco conto». Il Palazzo degli Studi è così «vivisezionato», dalle scale di ingresso alle aule, dai corridoi allo spazio interno, e rendono giustizia ad una impalcatura architettonica di grande pregio. Caruso non si limita solo a descrivere con la sua abile matita quello che è oggi il Palazzo ma propone anche una ipotesi di intervento globale per un edificio per il quale, nonostante, impegni, promesse e rassicurazioni negli ultimi decenni poco o nulla è stato fatto per il suo recupero. Altro merito della mostra è dunque di portare alla ribalta come oggetto di discussione un intervento di restauro e di recupero che non può più essere rinviato per non perdere il valore e la testimonianza di una fabbrica esaltata dai disegni di Orazio Caruso.