Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 24 Giugno 2018 - Aggiornato alle 16:04
MODICA - 02/03/2018
Attualità - La provocatoria proposta lanciata da residenti e negozianti

"Divieto di pallonate" in via Conceria con multe in arrivo?

Il comandante della polizia locale Cannizzaro: "Vige già un divieto di disturbo o danno alle persone" Foto Corrierediragusa.it

«Divieto di pallonate» con tanto di multe in via Conceria, parallela a viale Medaglie d’oro: è la provocatoria proposta lanciata da residenti e commercianti della zona, che ormai da mesi convivono forzatamente con i ragazzini che utilizzano il largo Innocenzo Pluchino, adiacente la bambinopoli, come una sorta di campetto di calcio, piazzando pallonate, che, più o meno involontariamente, colpiscono passanti, clienti e gestori dei negozi, come nel caso della signora Giovanna Paolino (foto), titolare di una enoteca. La donna, la scorsa estate, si beccò una pallonata in piena faccia che l’aveva stordita, spedendola in ospedale, facendole addirittura perdere temporaneamente la vista da un occhio e costringendola a portare il collare medico per un mese. I controlli della polizia locale da allora sono periodici, e il disagio, seppure persistente, è stato notevolmente ridimensionato. Ora gli interessati rilanciano, con la proposta di istituire un «divieto di pallonate» nella zona, con tanto di multa per chi viene sorpreso a trasgredire.

Sull’argomento interviene il comandante della polizia locale Rosario Cannizzaro: «Compatibilmente con la disponibilità di agenti in servizio, controlliamo periodicamente la zona e abbiamo anche sequestrato una mezza dozzina di palloni. Per quanto riguarda il problema delle pallonate – aggiunge il comandante – va da sé che vige già un divieto di arrecare disturbo, o peggio ancora danno, alle persone, e chi trasgredisce viene multato. Ovviamente – conclude il comandante – ciò non vale per i minorenni, ma basta telefonare al comando e cerchiamo sempre di intervenire nel minor tempo possibile».

In questi giorni altre persone, tra cui una anziana, sono state colpite alle gambe e alla schiena, per loro fortuna senza conseguenze. In un caso un pallone è stato scagliato contro un esercizio commerciale, il cui titolare si era rifiutato di restituirlo ai ragazzini. Gli animi si erano dunque surriscaldati e sono dovuti intervenire gli agenti di polizia locale.