Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 12 Dicembre 2018 - Aggiornato alle 14:42
MODICA - 24/02/2018
Attualità - Stop alla cementificazione dissennata

Dopo 40 anni a Modica un Prg su turismo e tutela ambientale

Approvata la delibera di giunta municipale Foto Corrierediragusa.it

E’ stata approvata la delibera di giunta municipale 61 avente ad oggetto "Direttive generali da osservarsi nella redazione della variante per la razionalizzazione ed il parziale adeguamento del piano regolatore generale vigente approvato il 22 dicembre 2017". In pratica, recependo la proposta del capo settore urbanistica, sono state approvate le direttive per la stesura della nuova variante al Prg di cui al relativo decreto. "Abbiamo aspettato quasi 40 anni – commenta il sindaco Ignazio Abbate - per avere uno strumento urbanistico che segnasse le direttrici di sviluppo della città e ci siamo ritrovati con un piano che classifica il nostro territorio come verde agricolo per l’80% della sua estensione urbana. Modica merita sicuramente di più e questa amministrazione, con la delibera odierna, propone al consiglio comunale di approvare i criteri ispiratori per la redazione di un nuovo Prg che non guarda alla cementificazione dissennata, ma privilegia le vocazioni naturali proprie del territorio volte alla recettività turistica, alla imprenditorialità, alla tutela ambientale, ai valori della tradizione.

Particolare attenzione - prosegue il primo cittadino - per la rigenerazione dei sistemi urbani, la rigenerazione degli aggregati sparsi nel territorio, le norme per il patrimonio edilizio esistente, la viabilità, il consumo di suolo e presidio del territorio agricolo. Per il resto rimandiamo alla stesura delle norme tecniche di attuazione che dovranno essere snelle, di facile comprensione e attente al rispetto della legalità urbanistica. Coinvolgeremo tutti i modicani perché il Prg appartiene alla città e - conclude Abbate - ne garantisce la crescita sociale, economica, produttiva".