Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 22 Febbraio 2018 - Aggiornato alle 0:42
MODICA - 12/02/2018
Attualità - Dopo la messa a norma di alcuni dettagli

Apre a marzo il nuovo pronto soccorso del "Maggiore"

Per venire sempre più incontro alle esigenze degli utenti, nell’ottica di una sanità a misura di cittadino Foto Corrierediragusa.it

Apre a metà marzo il nuovo pronto soccorso dell’ospedale «Maggiore» di Modica: lo ha reso noto il commissario straordinario dell’Asp 7 Salvatore Lucio Ficarra (foto) nel corso di un incontro ad hoc. «L’opera è sostanzialmente finita – ha detto il manager – ma è stata necessaria la messa a norma di alcuni dettagli a seguito dei controlli dei vigili del fuoco. Ritengo entro al massimo entro 25 giorni il pronto soccorso potrà essere pienamente operativo e quindi fruibile dall’utenza». Una rassicurazione che illumina di una nuova luce positiva la sanità iblea, per venire sempre più incontro alle esigenze degli utenti, nell’ottica di una sanità a misura di cittadino, nonostante i recenti tagli scaturiti dalla «Spendig review».

"Il reparto sarà tra i migliori in tutta la Regione ed un fiore all’occhiello per la Sanità iblea - commenta il sindaco Ignazio Abbate - e stiamo anche portando a termine alcuni percorsi organizzativi finalizzati a ridurre le attese e a snellire i pazienti in lista d’attesa. Terminati gli ultimi adempimenti burocratici, al massimo in 15 giorni, potremo finalmente aprire la nuova sede del reparto.

Ringrazio il commissario straordinario Ficarra – aggiunge il primo cittadino – grazie al cui impegno i lavori hanno registrato una netta accelerata, alla luce della fattiva collaborazione tra l’amministrazione comunale, che ha finanziato la sua realizzazione, e l’Asp 7. Sarà un reparto moderno ed accogliente per tutta l’utenza che non è solo modicana - conclude il sindaco Abbate - ma anche dai paesi limitrofi come Scicli, Ispica e Pozzallo e da qualche centro del Siracusano come Rosolini, Noto, Pachino e Portopalo".