Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 27 Maggio 2018 - Aggiornato alle 19:46
MODICA - 06/02/2018
Attualità - Pioggia di soldi per i 2 comuni: ecco come saranno impiegati

Agenda urbana, firmato il protocollo dai sindaci di Ragusa e Modica

Un momento storico per un futuro più certo Foto Corrierediragusa.it

Ignazio Abbate e Federico Piccitto, primi cittadini di Modica e Ragusa, hanno firmato la nascita di «Agenda Urbana Ragusa – Modica», il protocollo d’intesa finalizzato alla costituzione di un’Autorità Urbana per la predisposizione della Strategia di Sviluppo Urbano Sotenibile prevista dal Po Fesr 2014 -2020. Saranno 41.435.232 gli euro che saranno messi a disposizione dell’Agenda Urbana «iblea». Di questi circa 18 milioni (17.960.942,00) andranno a Modica, i restanti 23.474.290,00 sono destinati a Ragusa, comune capofila. Per quanto riguarda la Città di Modica, sono stati individuati quattro assi di sviluppo: 1)Promozione della competitività delle Pmi e del settore primario 2) Energia sostenibile e qualità della vita 3)Tutela dell’ambiente e promozione delle risorse 4)Inclusione Sociale.

Nella prima direttiva sono inclusi gli aiuti alle imprese per lo sviluppo di prodotti e servizi nel settore primario. Nella seconda direttiva (Energia sostenibile e qualità della vita) troviamo, tra gli altri, gli interventi di efficientamento energetico e produzione di energia in 10 edifici comunali, la riqualificazione della piscina comunale di via Sacro Cuore e la realizzazione della pista ciclabile Marina di Modica – Maganuco.

La terza direttiva (tutela ambiente ed efficientamento risorse) comprende il restauro di Palazzo dei Mercedari, la riqualificazione del terminal Parcheggio S.Francesco La Cava, il sostegno alla fruizione integrata delle risorse culturali e naturali e alla promozione delle destinazioni turistiche. La quarta direttiva (Inclusione Sociale) prevede il recupero dell’ex mattatoio comunale di Via Fontana e la sua trasformazione in «Città dei Bambini», aiuti al terzo settore e alle associazioni no profit, il completamento del centro diurno per anziani, il restauro dell’albergo dei poveri a Modica Alta e la realizzazione di un centro Alzhaimer.

«La firma sulla nascita di Agenda Urbana - dice il sindaco Ignazio Abbate - è la conferma che l’unione del territorio porta sempre buoni frutti. Superando antiche rivalità e valorizzando i tanti aspetti in comune delle nostre Città, siamo riusciti ad intercettare una più che cospicua fetta di finanziamenti che contribuiranno a valorizzare tanti aspetti bisognosi di interventi. Cosa che è avvenuta anche per quanto riguarda la creazione del Gal, in cui Modica è il comune capofila. La costruzione della pista ciclabile, il riutilizzo dell’ex mattatoio, la nascita della Città dei Bambini sono tutte opere che -
conclude il primo cittadino - cambieranno in meglio il volto di Modica».

Nella foto in alto la firma del protocollo tra i sindaci Piccitto e Abbate