Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 25 Febbraio 2018 - Aggiornato alle 13:10
MODICA - 18/01/2018
Attualità - Si tiene da venerdì a sabato presso l’auditorium Floridia

Alzheimer, convegno per la formazione del personale

Il regista Giuseppe Alessio Nuzzo parteciperà ai lavori con il suo cortometraggio «Lettere a mia figlia» Foto Corrierediragusa.it

Due giornate di formazione per il personale che si occupa di assistenza a persone affette da demenza. Il convegno si tiene presso l’Auditorium Floridia nel pomeriggio di venerdì e sabato ed è strutturato in tre sessioni: nella prima si tratterà il tema: «La demenza: diagnosi e clinica»; nella seconda si affronteranno «I trattamenti non farmacologici e il caregiving«, infine l’ultima sessione sarà dedicata interamente al Volontariato «Le Associazioni nella rete sociale: un valido aiuto nel territorio.» Numerosi gli interventi con la partecipazione di: medici, psicologi, assistenti sociali, tecnici, volontari e familiari.

Sarà presente il giovane regista Giuseppe Alessio Nuzzo, 39 anni, che parteciperà ai lavori del convegno con il suo cortometraggio, che verrà proiettato alla fine della prima sessione, «Lettere a mia figlia». Interpretazione struggente di Leo Gullotta nei panni di un anziano padre che scrive delle lettere alla figlia nel tentativo di spiegare la sua malattia e ciò che sta provando.Film finalista in centinaia di festival in tutto il mondo e vincitore di decine di premi tra cui la menzione speciale ai Nastri d’Argento e il premio come migliore cortometraggio al Giffoni Film Festival, il corto «serve a far entrare chi guarda in questa piccola storia di una malattia terribile, l’Alzheimer« – come ha raccontato il protagonista Leo Gullotta. «Lettere a mia figlia: negli «occhi» dell’Alzheimer è il percorso della malattia le sue origini, le motivazioni e la storia con lo scopo di farla conoscere ma parlare di quelle che sono le prospettive future sia in ambito scientifico e terapeutico.