Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 17 Dicembre 2018 - Aggiornato alle 22:34
MODICA - 11/01/2018
Attualità - Una nota del Movimento "Una Nuova Prospettiva"

Acqua pubblica o privata? Ad Abbate non interessa

Modica assente per l’ennesima volta alla riunione dell’Assemblea territoriale idrica Foto Corrierediragusa.it

Acqua pubblica o privata? Nel territorio ibleo si discute della gestione dell’acqua ma i tema non sembra interessare Palazzo S. Domenico.
All´assemblea dell´Ati Ragusa (Assemblea Territoriale Idrica) con i rappresentanti dei comuni iblei Modica ha infatti dato forfait e non ha ritenuto di dovere partecipare. Il Movimento «Una Nuova Prospettiva» stigmatizza l’operato del sindaco Ignazio Abbate in una nota: "Sono in ballo decisioni importantissime per il futuro del servizio idrico in provincia di Ragusa: per la gestione, pubblica o privata, per gli aspetti economici che interesseranno, direttamente (per le tariffe) ed indirettamente (lavori alla rete) le tasche dei cittadini modicani, per l´efficienza del servizio stesso, per la partecipazione dei cittadini al controllo della gestione.

Il sindaco Ignazio Abbate e gli altri amministratori non intendono prendere parte, lasciando tutto alle decisioni degli altri sindaci presenti alla seduta e che si sono espressi favorevolmente rispetto alla proposta del sindaco Piccitto. Ad inquietarci ed indignarci ulteriormente c´è anche il silenzio dei partiti modicani, sia quelli con rappresentanti in consiglio che gli altri. Non un solo consigliere comunale, a quanto ci risulta (e ci piacerebbe essere smentiti) ha presentato un´interrogazione e/o posto domande al sindaco e agli altri amministratori sulla mancata partecipazione alle sedute dell´Ati. Su certi temi c´è solo silenzio e sempre silenzio".