Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 18 Giugno 2018 - Aggiornato alle 23:26
MODICA - 07/01/2018
Attualità - Il volatile è stato ritrovato nella frazione marinara modicana

Piccione viaggiatore sfinito dal volo da Malta a Marina

Aveva l’anello identificativo nella zampetta Foto Corrierediragusa.it

Non è da tutti volare da Malta a Marina di Modica contando solo sulle proprie forze e, soprattutto, sulle proprie... ali. E´ quanto invece riuscito a fare da un piccione viaggiatore, ritrovato in una stradina della frazione marinara modicana la vigilia dell´Epifania (foto). Il volatile era spaventato, decisamente sfinito, ma in buone condizioni. L´uomo che lo ha trovato per caso si è premurato di rifocillarlo e farlo riposare. Poi il volatile ha ripreso il volo verso il cielo, più energico di prima, magari per far ritorno a casa, quasi certamente nell´Isola dei Cavalieri, come testimoniato dall´anello di riconoscimento che il colombo aveva attaccato alla zampetta. I piccioni viaggiatori, utilizzati già 3000 anni fa da egizi e persiani per scambiare messaggi e fino agli albori del 20mo secolo in tempi di guerra, oggi sono invece protagonisti di gare a livello professionistico, con voli fino a 1.800 chilometri, organizzate da appassionati di tutto il mondo, di cui parecchi in Italia affiliati alla Federazione Colombofila Italiana.

Un piccione viaggiatore può percorrere in volo fino a 800 chilometri in 12 ore ad una velocità media di 75 km/h in assenza di pioggia. La peculiarità di questi volatili consiste nel possedere una intelligenza ed un orientamento fuori dal comune, essendo in grado di tornare a casa in maniera autonoma da qualunque punto sfruttando i campi magnetici: si auspica dunque che anche il piccione viaggiatore arrivato fino a Marina di Modica possa aver fatto altrettanto.