Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 20 Agosto 2018 - Aggiornato alle 15:37
MODICA - 04/01/2018
Attualità - Dura nota del sindacato autonomi di Polizia

Nuovi locali per commissariato, sindaco si muova

Il progetto di ospitare presso l’ex tribunale sia la Polizia sia i Carabinieri non si muove Foto Corrierediragusa.it

L’amministrazione comunale non si sbilancia sul futuro utilizzo dei locali dell’ex Tribunale. Tante le sollecitazioni arrivate sul tavolo del sindaco che finora non ha preso alcuna decisione nonostante alcune necessità e richieste ben precise. Una di questa mira a fare dell’ex tribunale una Cittadella» della sicurezza ospitando le sedi della Compagnia dei Carabinieri e il Commissariato di Polizia. Entrambi gli uffici si trovano, infatti, in locali, ormai inadeguati e logisticamente poco pratici, per cui riunire sotto un unico tetto Polizia e Carabinieri sarebbe la soluzione più logica ed anche pratica. Sulla questione si è fatta sentire anche la segreteria provinciale autonomi di Polizia (Adp) con una nota con la quale si ricorda di avere sollecitato il sindaco già a giugno di prendere una decisione.

Scrive il sindacato: «Il Sindaco si era impegnato pubblicamente che dopo l’estate avrebbe incontrato o parlato con il Prefetto della questione ma purtroppo ad oggi nessuna risposta è giunta nonostante anche il Ministero dell’Interno avesse dato parere favorevole al trasferimento dei locali nell’ex Tribunale Modicano. Sappiamo che i locali dell’ex Tribunale sono contesi e richiesti anche da altre soggetti ma era doverosa una risposta a chi rappresenta all’interno del Comune l’Autorità di Pubblica Sicurezza. Ci spiace dirlo ma rinviare continuamente la palla di mesi in mesi, in attesa che la partita finisca o meglio la legislatura comunale, non ci è gradita». Il sindacato prefigura a questo punto la possibilità di trasferire i locali del commissariato in uno dei comuni del comprensorio se il silenzio del sindaco Ignazio Abbate dovesse perdurare.