Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 21 Gennaio 2018 - Aggiornato alle 21:26 - Lettori online 495
MODICA - 11/12/2017
Attualità - Salvati tutti i 250 posti di lavoro

Inaugurati i nuovi locali Avimecc con Musumeci

Per il governatore "Servono imprenditori coraggiosi ed illuminati ed una istituzione pubblica agile e pronta" Foto Corrierediragusa.it

Sono stati ufficialmente inaugurati domenica scorsa i nuovi stabilimenti produttivi dell´azienda Avimecc, la storica azienda leader della filiera avicola siciliana che vede nell´area modicana un polo d´eccellenza. Nell´agosto dello scorso anno un incendio aveva completamente distrutto l´azienda (che conta circa 250 dipendenti) e soltanto la caparbietà imprenditoriale della famiglia Leocata (proprietaria di Avimecc) e la convinta determinazione di tutti i dipendenti, ha fatto in modo che si potesse ripartire fin da subito, naturalmente con enormi sacrifici. A meno di un anno e mezzo dall´incendio sono stati così inaugurati i nuovi stabilimenti produttivi che si trovano nella stessa area in cui sorgeva l´azienda prima dell´incendio, ovvero alla zona industriale Asi Modica-Pozzallo (vicino a Pozzallo). Questo enorme impegno ha permesso così di salvare una storica azienda ma soprattutto tanti posti di lavoro e l´intera economia collegata al polo avicolo modicano (con milioni di polli e uova in fase produttiva ogni mese)

"Per il rilancio dell’economia della Sicilia servono imprenditori coraggiosi ed illuminati ed una istituzione pubblica agile e pronta": lo sostiene il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, intervenuto per il taglio del nastro dei nuovi stabilimenti dell’Avimecc nella zona industriale di Modica, sulla Modica-Pozzallo. «Servono due elementi essenziali, da una parte un imprenditore che abbia consapevolezza del proprio ruolo in un contesto diverso e mutato, con strumenti diversi ed innovativi – dice Musumeci – e dall’altro serve una burocrazia e istituzione pubblica capace di assecondare questo processo. Guai a scoraggiare gli imprenditori e a fare loro pensare di vivere in un isolamento assordante. Sono convinto - ha concluso Musumeci - che la nostra presenza abbia il significato di testimoniare vicinanza delle istituzioni».