Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 17 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 22:06 - Lettori online 557
MODICA - 06/12/2017
Attualità - Presenti tante associazioni di volontario e di assistenza

A Modica consiglio comunale aperto su disabilità

Redato un ordine del giorno a conclusione dei tanti interventi in aula Foto Corrierediragusa.it

La giornata internazionale della persona con disabilità è stata celebrata in un consiglio comunale aperto cui hanno partecipato anche parlamentari, associazioni ed esponenti della chiesa locale. Un ordine del giorno contiene le proposte scaturite dai tanti interventi in aula, il documento sarà poi approvato dal consiglio comunale.

La seduta è stata è proposta dall’Anffas da sempre attiva nella realtà cittadina. Alcuni disabili, come Valentina del centro diurno del S. Cuore, hanno chiesto l’altalena per i disabili anche nella bambinopoli del Sacro Cuore, l’assistente sociale Dorotea Cannata ha rilevato invece le difficoltà nell’uso dei pulmini che condividono con altri e vorrebbero fare più uscite e rileva che manca una postazione internet. Se c’è una città che pensa ai disabili e ne garantisce i servizi resta ancora molto da fare per renderla a misura di tutti. Alcune strutture come il Centro diurno del S. Cuore deve essere potenziato, servono specialisti nei vari settori e le scuole non hanno tutte servizi adeguati.

Servono investimenti ed il sindaco ha ricordato che l’assistenza sanitaria ai disabili costa all’ente 400 mila euro compresa l’autonomia della comunicazione. Bisogna fare di più da parte di Stato e Regione e le parlamentari Venerina Padua e Maria Lucia Lorefice hanno evidenziato impegni e discrasie di leggi ed interventi. Gli enti locali sono in prima linea nell’assistenza ed hanno bisogno di risorse che spesso non arrivano e da questo punto di vista l Sicilia non riesce a spendere i soldi impegnati dallo Stato.