Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 17 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 22:06 - Lettori online 558
MODICA - 24/11/2017
Attualità - Proficua riunione romana del sindaco Abbate

In primavera rimborsi per il nubifragio

Il primo cittadino seguirà di persona l’iter di rendicontazione di fine anno affinchè le pratiche abbiano tutte un positivo accoglimento Foto Corrierediragusa.it

Per la liquidazione dei rimborsi ai privati per i danni del nubifragio dello scorso gennaio bisognerà attendere la prossima primavera. Il direttore generale per le Attività per il Superamento delle Emergenze della Protezione Civile, Natale Mazzei, ha dettato questi tempi nel corso dell’incontro tenutosi in sede ministeriale a Roma con il sindaco Ignazio Abbate (foto). I tempi tecnici sono ben scanditi perché prima bisognerà concludere l’attività di monitoraggio di tutti i danni per calamità naturali verificatisi nel corso del 2017. Si prevede che entro marzo prossimo il rendiconto sia definito e si potrà così passare all’erogazione dei fondi per il 2016-2017. Al momento il Dipartimento sta pagando i rimborsi degli anni 2013, 2014 e 20015. Dice il sindaco rispetto ai timori di eventuali ritardi: «Voglio rassicurare tutti che seguirò in prima persona l’iter di rendicontazione di fine anno affinchè le nostre pratiche abbiano tutte un positivo accoglimento». La riunione romana è stata utile anche per fare il punto sui lavori d’urgenza per la messa in sicurezza del torrente S. Liberale e di via Gianforma a Frigintini. Si tratta di due punti deboli del sistema idrogeologico della città e per i quali sono statti già stanziati due milioni 800 mila euro.

Una ulteriore somma alla luce dell’ultimo sopralluogo effettuato dai tecnici della protezione Civile, sarà previsto in bilancio. Toccherà invece al Dipartimento della Protezione civile regionale prevedere delle somme per la messa in sicurezza del torrente Passo Gatta ed al momento non è stato quantificata è la somma né il tipo di progetto. Per quanto riguarda i risarcimenti alle attività produttive e alle imprese i tempi non saranno brevissimi perché la commissione per la valutazione dei danni è stata nominata solo di recente.