Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 18 Novembre 2017 - Aggiornato alle 10:36 - Lettori online 703
MODICA - 25/10/2017
Attualità - Giorni cruciali per l’ente di palazzo San Domenico

Pronto il ricorso contro il dissesto a Modica

Ultimo, decisivo, passaggio per evitare il crac Foto Corrierediragusa.it

Il ricorso è pronto e la Corte dei conti deciderà nel merito entro la fine di novembre. Antonio Barone, avvocato amministrativista e ordinario di Diritto amministrativo al Dipartimento di Economia dell´ Università di Catania (foto), cui l’amministrazione ha affidato la difesa delle ragioni dell’ente per evitare la dichiarazione di dissesto, non ha scoperto le carte in sede di consiglio comunale e non è entrato nel merito del ricorso sia perché la tesi difensiva deve essere messa a punto con Aristide Police, avvocato amministrativista e docente alla «Sapienza» sia per un fatto strettamente professionale e deontologico di rispetto nei confronti dei magistrati. Antonio Barone è stato comunque puntuale nel suo intervento ed ha più volte ribadito che al ricorso non può essere data valenza politica. Il ricorso è l’ultimo, decisivo, passaggio per evitare il crac ed Antonio Barone ha citato due sentenze della Corte dei conti che non hanno previsto il dissesto nei comuni di Napoli e Catania ed ha dato, invece la possibilità del riaccertamento della situazione finanziaria.

Ci sarebbe quindi la possibilità che si possa ripresentare un piano di riequilibrio anche se Modica ha rimodulato già due volte in tre anni, dal 2012 al 2015. Antonio Barone non è andato oltre e si è fermato lasciando così spazio al dibattito in aula con l’opposizione che ha ancora una volta rimarcato l’incapacità dell’amministrazione di avviare e consolidare un politica finanziaria di rigore e di recupero, con anticipazioni di cassa che portano ad interessi di ben 800 mila euro l’anno ed ha soprattutto chiesto al sindaco, in caso di accoglimento del ricorso, quale sia la strategia per uscire da una situazione di crisi gravissima. Da parte sua il sindaco ha rimarcato l’eredità negativa dello stato dei conti e gli sforzi messi in atto soprattutto per recuperare risorse a cominciare dai canoni per i servizi comunali.