Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 20 Gennaio 2017 - Aggiornato alle 10:41 - Lettori online 735
MODICA - 11/01/2017
Attualità - La mostra di Stefania Zocco inserita nel programma del Modica Art System

"Temperature poco sotto la norma" a S. Maria del Gesù

Una contrapposizione tra il mondo di un tempo, rappresentato dalla storica struttura con il contesto contemporaneo Foto Corrierediragusa.it

«Temperature poco sotto la norma» è la mostra di Stefania Zocco ospitata all´interno dell´ex Convento di S. Maria del Gesù, aperta fino al 12 febbraio. La mostra, inserita nel programma del Mas (Modica Art System) di cui è responsabile Francesco Lucifora, prende spunto dai ricordi e la vita vissuta dall´artista, trasferitasi ed operante a Londra, che ha vissuto la sua adolescenza nel suo quartiere di origine dove ha trascorso l’infanzia e l’adolescenza e dove sorge il complesso Santa Maria del Gesù. «L’idea alla base -dice Stefania Zocco– è fotografare il Complesso di Santa Maria del Gesù seguendo punti specifici, poi sottoporre le foto all’applicazione Pantone che è capace di restituire cinque colori principali di ogni scatto, e quindi realizzare dei disegni con quei specifici colori. I colori sono il veicolo che mi permette di creare un collegamento tra l’intimo, il familiare e l’estraneo, l’ignoto. I colori del territorio, della pietra, della luce del sole, del cielo».

«Il progetto – conclude l’artista- evidenzia quindi una contrapposizione tra il mondo di un tempo, rappresentato dalla storica struttura, che ha superato secoli di storia, con il contesto contemporaneo, rappresentato dai disegni e dal cartongesso, che è caratterizzato invece da leggerezza e provvisorietà». Le rovine di un tempo sono così messe in contatto con le rovine contemporanee in un processo che restituirà alla comunità, alla vita, uno spazio che in realtà non ha mai vissuto.