Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 13 Dicembre 2018 - Aggiornato alle 17:36
ISPICA - 24/12/2017
Attualità - Una serata ricca di emozioni

Un racconto della Natività "sui generis" a Ispica

Evento organizzato dall’Arciconfraternita e dalla comunità parrocchiale della Basilica di Santa Maria Maggiore Foto Corrierediragusa.it

Un racconto sulla Natività "sui generis", una narrazione della nascita di Cristo incentrata sulla figura della madre. È stata una serata ricca di emozioni quella organizzata dall’Arciconfraternita e dalla comunità parrocchiale della Basilica di Santa Maria Maggiore di Ispica in onore del confrate Nino Portoghese. «Miriam, Maria – Il mistero della natività», un recital dedicato alla Madre per eccellenza, ha incarnato perfettamente lo spirito del Natale, quello fatto di dolcezza, di piccole cose, dell’essenzialità che si ricrea in ogni nascita e in ogni parto. Ispirato a «In nome della madre» di Erri De Luca, lo spettacolo ha portato in scena le emozioni vissute da Maria, dal momento del concepimento fino alla nascita del figlio: un racconto storico, reso molto contemporaneo dalle ‘semplici’ battute di Anna Passanisi che, attraverso un sapiente monologo, ha fatto rivivere con grande professionalità, il mistero della nascita. La sicurezza e la felicità di una madre da un lato, i dubbi e le paure dall’altro, sono state traslate insieme nel migliore dei modi dalla regista Giannella Loredana D’Izzia. Le coreografie di Francesca Lombardo, le immagini di Alessandro Sipione e le battute di Giorgia Matarazzo hanno poi fornito una cornice impeccabile all’importante lavoro teatrale, donando agli spettatori una visione completamente nuova sulla venuta al mondo che si rievoca e si ripete ogni anno.