Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 21 Novembre 2017 - Aggiornato alle 22:45 - Lettori online 477
ISPICA - 17/11/2016
Attualità - Seduta aperta della civica assise sul consorzio di bonifica

Partecipazione al consiglio sulle bollette esose

Soddisfatti sindaco e presidente del consiglio Foto Corrierediragusa.it

Oltre 200 cittadini hanno partecipato alla seduta aperta del Consiglio Comunale dedicata all´aumento dei canoni del Consorzio di bonifica. Presenti agricoltori, allevatori, pensionati e cittadini rappresentanti della Coldiretti, della Confagricoltura, della Cna e della Camera del Lavoro. Molti gli interventi che hanno puntato l’attenzione sulle problematiche del Consorzio di Bonifica e l´insostenibilità dell´aumento dei canoni consortili.«Abbiamo di fatto condiviso –dichiara il sindaco Pierenzo Muraglie (foto)- un ordine del giorno che descrive la gravità della situazione che stiamo vivendo e che contiene le prime proposte, con i singoli consorziati, con le associazioni, le forze sociali con l´obiettivo di far conoscere la nostra contrarietà agli aumenti sconsiderati e, soprattutto, con l´obiettivo di portare la nostra proposta nelle opportune sedi istituzionali. Abbiamo incontrato ed interloquito con l´Assessore Regionale all´Economia Baccei rappresentando le esigenze del nostro ente e del nostro territorio con riferimento ai canoni del Consorzio per le annualità 2014 e 2015».

Il sindaco è stato poi a Palermo dove ha depositato presso la competente commissione un ordind el giorno condiviso anche dai parlamentari Nello Dipasquale e sottoscritto e dai deputati Ferreri, Lupo e Alloro che prevede l´abrogazione dell´art. 47 della legge regionale 9/2015, che aveva posto le condizioni per l´aumento spropositato dei ruoli consortili a carico degli agricoltori del territorio. Inoltre, è stata richiesta l´abrogazione dell´art. 4 della legge regionale 13/2014 ripristinando, di fatto, il contributo regionale pari al 95% delle spese esposte dai Consorzi per il personale a tempo indeterminato.