Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 23 Novembre 2017 - Aggiornato alle 20:23 - Lettori online 662
ISPICA - 14/11/2016
Attualità - L’assessorato regionale all’Agricoltura ha messo a disposizione 76 milioni in tutta la Sicilia

Sikelion: attenzione al bassopiano ispicese

L’amministrazione comunale sollecitata a presentare i progetti di recupero per tempo Foto Corrierediragusa.it

Sikelion sollecita l’amministrazione Muraglie ad accedere ai finanziamenti per la valorizzazione agricola e la messa in sicurezza del bassopiano ispicese. L’associazione ambientalista ha segnalato la possibilità di accedere ai finanziamenti messi a disposizione dei comuni per un totale di 76 milioni dall’’assessorato regionale all’Agricoltura. Oltre a mettere in sicurezza l’ambiente si tratta anche di un’opportunità dal punto di vista occupazionale, ma anche economico: i cantieri, così finanziati, impiegherebbero centinaia di operai e professionisti per anni, mentre il miglioramento delle vie di trasporto (che sull’isola risalgono in buona parte agli inizi del secolo scorso, se non addirittura alla dominazione borbonica) consentirebbe alle imprese di contenere i costi di produzione, aumentandone la competitività. Il tutto, senza che le comunità locali debbano sopportare alcuna spesa: nel suo documento, Legambiente evidenzia infatti che anche gli onorari dei progettisti sono a carico della Regione, mentre gli uffici tecnici comunali potrebbero limitarsi a fornire le informazioni necessarie.

Dice il presidente di Sikelion, Gaetano Donzella (foto): "I periodici allagamenti, la sofferenza delle nostre imprese agricole, le tante difficoltà che incontrano gli stessi operatori turistici nel conquistare al nostro pur bellissimo territorio il pubblico che meriterebbe sono questioni drammatiche, che hanno un comune denominatore nello stato di inefficienza e arretratezza in cui questo angolo di Sud versa ormai da troppo tempo".

«Per contro, l’assenza di qualsiasi costo per Palazzo Bruno e lo stato di dissesto finanziario in cui esso si ritrova, insieme all’allungamento dei termini per la presentazione dei progetti, deciso a Palermo lo scorso 4 novembre, rendono questo Bando un’occasione irripetibile, che l’Amministrazione Muraglie siamo certi non vorrà farsi sfuggire».