Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 17 Gennaio 2019 - Aggiornato alle 23:10
COMISO - 08/01/2019
Attualità - Dopo l’intervento del M5S

Il sindaco di Comiso Schembari sul futuro del cimitero comunale

"Si sta acquisendo il parere sulla revoca della delibera del project financing" Foto Corrierediragusa.it

"Esattamente come annunciato e promesso durante la campagna elettorale dopo il mio insediamento ho dato mandato ad un legale per acquisire il parere sulla revoca della delibera con la quale, di fatto, si sancisce la privatizzazione del Cimitero di Comiso": lo dichiara il sindaco di Comiso Maria Rita Schembari. "Acquisito il parere, ho ritenuto opportuno un confronto con gli uffici comunali, e con quelli del Genio Civile tramite diversi incontri. Finita questa fase – conclude il primo cittadino- ho dato mandato alla Segretaria Generale e agli uffici competenti di preparare l’atto di indirizzo politico per la revoca di tutto il procedimento sulla privatizzazione del cimitero di Comiso»

IL PUNTO DI VISTA GRILLINO
"Torniamo a parlare del cimitero di Comiso e Pedalino e della revoca della delibera per la realizzazione tramite project financing. A tal proposito, in data 4 gennaio, è stata presentata un’interrogazione al Sindaco di Comiso per avere chiarimenti sui tempi e sugli intendimenti dell’Amministrazione": lo sostiene Patrizia Bellassai, consigliere comunale del M5S a Comiso. "La questione cimitero - si legge nella nota - ha sempre visto il M5S di Comiso in prima linea in tempi non sospetti. Il M5S ha fatto una campagna di sensibilizzazione che come risultato ha raccolto più di 4.000 firme per dire no, per evitare che tale opera fosse realizzata da privati e che, inesorabilmente, i costi per i cittadini salissero alle stelle. Quattromila firme possono sicuramente essere considerate una chiara volontà popolare affinchè l’ampliamento del cimitero di Comiso e la realizzazione ex novo di quello di Pedalino non venisse gestita privatamente, ma dal comune di Comiso.

Per non dire che questo problema è stato uno dei punti fondamentali su cui si è basata tutta la campagna elettorale del sindaco Maria Rita Schembari che ne ha fatto uno degli obbiettivi da raggiungere addirittura nei primi 100 giorni dall’insediamento. Ad oggi però, abbiamo sentito solo annunci e proclami, con cadenza quasi settimanale, su una imminente revoca della delibera che non ha più nulla di imminente o di immediato, tenuto conto che l’amministrazione si è già insediata da sei mesi. E’ stato chiesto un parere legale al fine di poter concretizzare l’annunciata intenzione di procedere alla revoca della delibera di Giunta avente ad oggetto il project financing e poi il silenzio. Allora, sono spontanee le domande. Cosa si aspetta? Ci sono ostacoli che ne impediscono la revoca? Se così non è, perché dopo sei mesi non si è proceduto? Da - conclude la nota - qui l’esigenza di avere chiarimenti e risposte, tramite l’interrogazione".

INTERROGAZIONE CONSILIARE
in merito alla Concessione per la realizzazione del sistema cimiteriale Comiso – Pedalino, mediante intervento di riqualificazione del cimitero di via Roma e la realizzazione del nuovo cimitero C.da Bosco Cicogne

PREMESSO
- che l’attuale Amministrazione ha dichiarato, nel corso della Campagna elettorale, di voler agire ed adoperarsi al fine di evitare la privatizzazione dei servizi cimiteriali di Comiso;
- che nel programma elettorale dell’attuale Sindaco l’impegno dello stesso a porre in essere ogni azione atta ad arrestare e/ o evitare la privatizzazione del Sistema Cimiteriale di Comiso riveste importanza primaria, come si evince a pag. 3 del programma elettorale;
- che, in seguito all’attività svolta dal Movimento 5 Stelle di Comiso, sono state raccolte oltre 4.000 firme con cui i cittadini hanno chiaramente espresso il loro malcontento nei confronti della realizzazione del progetto di privatizzazione dei servizi cimiteriali;
CONSIDERATO
- che sono trascorsi sei mesi dalla data in cui si è insediata l’attuale Amministrazione;
- che l’Amministrazione ha richiesto parere legale al fine di individuare i presupposti per procedere alla revoca del project financing;
- che il suddetto parere legale è stato depositato nel mese di Ottobre, quindi ben due mesi fa;
- che il Sindaco ha dichiarato pubblicamente, a mezzo stampa, di aver acquisito parere legale e di aver deciso, insieme alla Giunta Municipale, che la gestione del cimitero di Comiso rimarrà pubblica (comunicati stampa del 19 e 29 Ottobre 2018);
SI CHIEDE DI SAPERE
se l’attuale Amministrazione è sempre dell’opinione di voler revocare il bando e di arrestare il progetto di privatizzazione dei servizi cimiteriali come promesso in campagna elettorale;
quale sarà la tempistica necessaria per procedere con la revoca.
Data la rilevanza della questione per la collettività Si richiede risposta scritta e trattazione alla prima seduta consiliare utile.