Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 24 Settembre 2018 - Aggiornato alle 15:54
COMISO - 10/07/2018
Attualità - Iniziati i festeggiamenti che si concluderanno domenica

A Comiso "u viagghiu" di S. Biagio in onore del patrono

La funzione religiosa presieduta dal vescoovo ha aperto la festa Foto Corrierediragusa.it

Un «viagghiu» straordinario per S. Biagio. Una folla di fedeli ha partecipato alla processione in onore del patrono (foto), seguendo passo passo il simulacro del vescovo martire. Altro momento toccante della festa l’inno a San Biagio cantato dal coro cittadino, composto dal maestro Salvatore Schembari, diretto dalla maestra Maria Lucia Faro. L’appuntamento religioso più importante è stata la funzione religiosa presieduta dal vescovo Carmelo Cuttitta che, nell’omelia, ha parlato del carisma di San Biagio indicando quali, al giorno d’oggi, possono essere gli esempi da seguire, facendo riferimento alla vita del vescovo martire, nell’ambito di una società sempre più complessa. Sono stati momenti molto intensi destinati a proseguire sino a domenica prossima con altri riti che caratterizzeranno la seconda fase della festa dedicata al patrono di Comiso.

Il «viaggio» è stato vissuto dai fedeli con intensa partecipazione e non pochi hanno affrontato il cammino scalzi o solo con la protezione di calcini ai piedi a simboleggiare il camino del popolo di dio verso la libertà. Altro rito che si è rinnovato è quello della «ntorcia», la lanterna portata dai fedeli lungo la processione, Sui lati della lanterna sono applicati vetri decorati con l’effigie del santo e fiori.