Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 21 Novembre 2017 - Aggiornato alle 22:45 - Lettori online 467
COMISO - 12/12/2016
Attualità - Per gli ex Udc aumenti spropositati con la nuova delibera, fino al 300 per cento

A Comiso è guerra per l´acqua. Bollette idriche "salate"

L’assessore alle Finanze conferma gli aumenti. Bisogna coprire il costo del servizio Foto Corrierediragusa.it

A Comiso è guerra dell’acqua. La delibera del giugno scorso pubblicata una settimana fa con la quale sono stati aumentati i canoni idrici ha scatenato l’opposizione nei confronti della giunta Spataro. Secondo gli ex Udc le bollette subiranno un aumento fino al 300 per cento. Per il consigliere Dante Di Trapani chi pagava 200 euro di canone idrico dovrà pagare per il 2017 350 euro. Un aumento sproporzionato per le forze di opposizioni ma l’amministrazione respinge le accuse ribadendo che gli aumenti erano dovuti perché così come per i rifiuti il costo del servizio deve essere coperto interamente dal canone pagato dai cittadini.

Dice il vicesindaco e assessore alle Finanze Gaetano Gaglio: «L’aumento c’è ma sarà del 60 per cento circa. E’ un costo di gran lunga inferiore rispetto ad altri comuni. L’amministrazione ha inoltre previsto rateizzazioni fino a 60 rate per venire incontro a chi non può pagare. Non ci saranno inoltre anticipazioni per il 2017 ma solo un acconto per spalmare meglio il costo nelle bollette successive".