Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 24 Novembre 2017 - Aggiornato alle 11:27 - Lettori online 645
COMISO - 06/12/2016
Attualità - Un grande risultato per l’amministrazione comunale

Stabilizzazione per 74 dipendenti a Comiso

Dopo anni di lotte sindacali e proteste più o meno eclatanti Foto Corrierediragusa.it

Un grande risultato per l’amministrazione di Comiso. 74 dipendenti comunali precari inizieranno il percorso di stabilizzazione ed entro il 2017 entreranno a far parte in pianta stabile dell’organico dell’ente di piazza Fonte Diana. Un successo per l’amministrazione del sindaco Filippo Spataro (foto) che, in campagna elettorale, aveva promesso di scogliere questo nodo entro il suo mandato da sindaco. Tra questi precari ci sono i 47 ex lavoratori Co.co.co del Comune la cui storia travagliata è cominciata già nel 2012, quando non arrivò la stabilizzazione prevista, ma anzi con la cosiddetta «circolare Brunetta» e il sopraggiungere del dissesto per il Comune, i dipendenti non videro mai la trasformazione del contratto a tempo indeterminato e si ritrovarono anzi fuori dalla pianta organica. Dopo anni di lotte sindacali e proteste più o meno eclatanti, l’amministrazione Spataro è riuscita a mantenere la promessa.

«Arriviamo – ha commentato il sindaco - a uno degli atti più importanti che questa amministrazione potesse attuare. Ci siamo impegnati a dare risposte certe per risolvere una volta per tutte l’annoso problema e, appena avuta la certezza di essere usciti dal dissesto, abbiamo immediatamente lavorato in questa direzione». Oggi dunque l’amministrazione, con la firma dei 74 contratti, mette fine al precariato dei lavoratori dell’Ente. Una vittoria che si aggiunge a quella di qualche mese fa, quando il Ministero degli interni ha comunicato che Comiso è ufficialmente uscita dallo stato di dissesto, con i debiti che in 3 anni e mezzo sono stati ridotti da 40 ai 5 milioni.