Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 23 Novembre 2017 - Aggiornato alle 20:23 - Lettori online 437
CHIARAMONTE GULFI - 19/08/2017
Attualità - A poco più di un mese dal devastante incendio della pineta

Chiaramonte, le aziende ringraziano per solidarietà

Mille rotoballe tra fieno e paglia arrivate da tutta la Sicilia. "Foraggi per Chiaramonte" grata Foto Corrierediragusa.it

A poco più di un mese dal devastante incendio della pineta di Chiaramonte, che ha distrutto gran parte del bosco e messo in ginocchio varie aziende agricole, il fondatore del gruppo ‘Foraggi per Chiaramonte’, Carmelo Baglieri, ringrazia per la solidaretà ricevuta dalle aziende in un momento in cui queste hanno dovuto far fronte all’emergenza dei foraggi distrutti dalle fiamme.

Dice Carmelo Baglieri: «Sono stati raccolti e portati nelle aziende colpite più di mille rotoballe fra fieno e paglia, il tutto grazie alla grande macchina solidale che si è messa in moto e a cui hanno partecipato tantissime persone di tutta la Sicilia e oltre, sia colleghi imprenditori e sia semplici persone e altre aziende, che si sono sentiti in dovere di partecipare in modo spontaneo, libero, trasparente e senza nessuna bandiera. Una grossa mano è stata data anche dall’Unione Allevatori Siciliani. Devo dire che è bastato un piccolo spintone per far partire questa macchina e si è messo in moto un movimento senza precedenti, fatto di persone vogliose di aiutare gli altri e non di mettersi in mostra. In tanti, silenziosamente, hanno trasportato i loro foraggi fino a destinazione e qualcuno, addirittura, ha messo a disposizione anche il proprio terreno. Quanto avvenuto ci fa tanto riflettere e dire che a volte il bene ha solo bisogno di un piccolissimo stimolo, dopodiché è capace di travolgere tutto. In nome delle aziende agricole che hanno subito i danni, mi permetto di ringraziare tutti per il grande cuore manifestato e sinceramente penso che questa volta abbiamo dato una bella dimostrazione di solidarietà forza ed efficienza. Ora la parola passa alle istituzioni e alle associazioni di categoria per far sì che venga ripristinata al più presto la normalità in tutte le aziende colpite».