Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 23 Novembre 2017 - Aggiornato alle 20:23 - Lettori online 626
ACATE - 03/11/2017
Attualità - Un dato per certi versi eclatante

Acate e Monterosso Ok su differenziata

I dati del rapporto Rifiuti Urbani a cura dell’Ispra Foto Corrierediragusa.it

Acate e Monterosso al top per la raccolta differenziata. Gli altri dieci comuni iblei arrancano. Il rapporto Rifiuti Urbani a cura dell’Ispra riporta numeri e percentuali della raccolta differenziata nei vari comuni italiani e la Sicilia emerge come zona ancora in ritardo e con gravi pecche nell’organizzazione dei servizi ad onta degli sforzi, più teorici che pratici, delle varie amministrazioni, che arrancano nel garantire un servizio efficiente. Nei piccoli comuni differenziare appare più facile anche per motivi logistici ma per alleggerire i tributi e migliorare la qualità ambientale c’è ancora tanta strada da fare. C’è un leggero aumento della percentuale rispetto allo scorso anno ma i comuni iblei sono fermi ad un misero 16,65 per cento come media. In Sicilia, inoltre, nessuna provincia supera la soglia minima del 25 per cento di raccolta differenziata. Bene dunque Acate che arriva al 58,83 e Monterosso al 52,7°. Comiso è terza con il 42 per cento, seguita da Pozzallo al 24,80. Lontani i centri più popolosi come il capoluogo, 20 per cento, Modica, 11 per cento,ed a seguire Vittoria.