Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 21 Novembre 2017 - Aggiornato alle 22:45 - Lettori online 747
ACATE - 31/10/2016
Attualità - Lo stato maggiore pentastellato ha incontrato gli agricoltori in una azienda ipparina

Per Di Maio trattati Ue agricoltura da rivedere

Il vicepresidente della Camera: "Non si capisce perché l’Ue che dovrebbe proteggere il nostro mercato" Foto Corrierediragusa.it

Tutti in azienda. Lo stato maggiore del M5S con Luigi Di Maio, Giancarlo Cancelleri (da dx nella foto), la senatrice Ornella Bertorotta e la parlamentare regionale Vanessa Ferreri hanno visitato un’azienda agricola dell’acatese per rendersi conto di persona quali sono i problemi quotidiani con cui si deve confrontare chi opera in questo comparto. Accordo Euro mediterraneo, concorrenza sleale, virosi e costo del lavoro sono stati alcuni dei temi che i titolari della 3C srl hanno messo sul tappeto.

I vicepresidente della Camera ha ascoltato con attenzione: «I nostri agricoltori ci pongono un problema serio; non capiscono perché l’Ue che dovrebbe proteggere il nostro mercato sottoscrive accordi con Tunisia e Marocco distruggendo così i prezzi e non rendendoli competitivi. Bisogna, invece, far rispettare i valori che sono alla base del mercato unico europeo. Anche il tema del costo del lavoro è delicato. Bisogna abbattere il cuneo fiscale non abbassando gli stipendi dei lavoratori ma le tasse. Quindi bisogna subito bloccare i trattati con Marocco e Tunisia e poi bisogna contrastare la corruzione perché con questi soldi recuperati si possono aiutare le aziende per detassare le aziende in odo che possono respirare ed essere competitive».