Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 407
VITTORIA - 02/12/2007
Agenda - Vittoria - In tutto 12 spettacoli di buon livello e ottima qualità

Prestigiosa stagione teatrale:
si parte con "Upupa" di Orfanò

Anche i costi dell’abbonamento sono accessibili: 120 euro Foto Corrierediragusa.it

Sipario, si parte. La stagione teatrale 2007-08 è pronta e il 16 dicembre va in scena la prima: «Upupa», per la regia di Antonio Orfanò. Tema molto pertinente: il potere, una sorta di simbolo eterno, che toglie persino la capacità di sognare. "Una metafora senza tempo ?secondo il regista- che come un sogno inganna i giovani e si finisce per cercarlo in un missile, nel night, in una birreria di Monaco o nell’amore per una donna".

In tutto 12 spettacoli di buon livello e ottima qualità, e neanche troppo cari economicamente parlando, presentati ieri a palazzo Iacono dal sindaco Giuseppe Nicosia, dall’assessore Paolo Monello e dal consulente Enrico Lancia, musicista che tiene alto il nome di Vittoria in campo internazionale, alla sua prima uscita nella veste di consulente-esperto per le problematiche culturali.

"Le novità sono tante- rimarca Enrico Lancia- fra tutte le 3 tappe a Scoglitti, nella palestra dell’Istituto comprensivo, e poi gli spettacoli ad hoc per le scuole e per gli anziani. In tutto 20 spettacoli, 9 al teatro, 3 nella frazione marinara, 6 per le scuole e 2 per gli anziani. E poi abbiamo presentato anche il logo del teatro, visto che finora nessuno ci aveva pensato".

E anche i costi dell’abbonamento sono accessibili: 120 euro l’abbonamento per platea e primo ordine di palchi. C’è di tutto nel cartellone, per soddisfare qualsiasi palato e mettere d’accordo gli amanti della danza, dell’avanspettacolo e quelli delle piece d’autore. Qualche nome? Maria de Buonos Aires, tango operita di Astor Piazzola; La guerra dei roses, con Giancarlo Zanetti e Laura Lattuada; Sinfonia d’autunno, con Rossella Falk. Tanto spazio anche per spettacoli leggeri e rilassanti: Sasà Selvaggio sarà «Sasao meravigliao» il 17 maggio, giorno di chiusura della rassegna. Da questa settimana parte lo sbigliettamento.

Si spera anche che il riscaldamento funzioni meglio che negli altri anni e che gli amanti del teatro (ricordiamo che Vittoria vanta una tradizione teatrale secolare grazie al gioiello neoclassico che si ritrova) possano gustare spettacoli di buona qualità in un ambiente riscaldato e dotato di confort.