Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 752
VITTORIA - 11/05/2009
Agenda - Vittoria: il premio giornalistico giunto all’ottava edizione

A Vittoria la premiazione del concorso nazionale «Cutuli»

Saranno pesenti i giornalisti Peppino Lo Bianco, Sandra Rizza, Gianni Molè e Silvia Tortora, figlia di Enzo

Il premio giornalistico Maria Grazia Cutuli, istituito dalla professoressa Anna Maria Zagara nel 2001, è giunto all’ottava edizione. Da premio locale, il Cutuli in otto anni s’è trasformato in concorso fisso e nazionale. Alla giuria, composta da giornalisti e docenti di lettere, sono pervenuti elaborati da studenti di tutte le parti d’Italia. Oggi alle 18, presso il Teatro comunale, si svolgerà la cerimonia di premiazione.

La manifestazione è organizzata dalla Fidapa di Vittoria, di cui è presidente la professoressa Salvina Lo Momaco, con l’intento di ricordare la memoria della giornalista catanese inviata di guerra del Corriere della Sera che ha trovato la morte in un agguato in Afghanistan. Anche in questa edizione, il concorso si avvale del patrocinio della Provincia di Ragusa, del Comune di Vittoria, del Corriere della Sera, dell’Associazione siciliana della Stampa e della Banca agricola popolare di Ragusa.

Oltre alla consegna dei premi si dibatterà su un tema di grande attualità nell’informazione oggi: «La crisi del giornalismo d’inchiesta: fine del pluralismo?».

Parteciperanno, dopo il saluto delle autorità, i giornalisti Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza, autori del libro «Profondo nero» che indaga sul «filo rosso» (o meglio nero) che lega gli omicidi di Enrico Mattei, Mauro De Mauro e Pier Paolo Pasolini; il segretario dell’Assostampa di Ragusa, Gianni Molè, nonché Silvia Tortora, figlia dell’indimenticato Enzo, che fu al centro di un clamoroso errore giudiziario, giornalista già di Epoca e Mixer e che con Gianni Minoli ha collaborato al programma televisivo «La storia siamo noi». Il dibattito sarà moderato da Isabella Papiro.