Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 535
VITTORIA - 24/10/2008
Agenda - Vittoria – Fervono i preparativi per la 42 campionaria novembrina

Vittoria: un treno speciale per l’Emaia

Lo ha chiesto l’assessore Luciano D’amico a Trenitalia Foto Corrierediragusa.it

Un treno speciale per la 42. Emaia novembrina e per il prossimo Festival Jazz che si svolgerà dal 30 maggio 21 giugno 2009, sempre sotto la direzione artistica di Francesco Cafiso, già al lavoro per reperire il meglio degli artisti del jazz mondiale. La proposta è stata fatta dall’assessore al Turismo Luciano D’amico a Trenitalia.

L’assessore s’auspica il rilancio del trasporto ferroviario, relativamente alla linea Caltanissetta-Ragusa-Modica-Siracusa, anche attraverso l’istituzione di un treno Emaia, per la 42ma campionaria nazionale, prevista dall’8 al 16 novembre 2008, e per la 43. prevista dal 7 al 15 novembre 2009, nonché un Treno Jazz, in concomitanza con i concerti del 2° Vittoria Jazz Festival Music & Cerasuolo Wine, in programma dal 30 maggio al 21 giugno 2009.

«Analogamente a quanto è stato fatto in altre località- scrive D’amico-, prevedendo treni speciali a supporto di alcuni eventi e manifestazioni di grande rilevanza ho chiesto a Trenitalia di istituire un treno Emaia legato, in modo particolare, alla campionaria nazionale, che è quella più importante dell’anno, e un treno Jazz, in concomitanza con i concerti della seconda edizione del Vittoria Jazz Festival Music & Cerasuolo Wine, in programma dal 30 maggio al 21 giugno 2009».

Se l’esperimento riesce, c’è l’obiettivo di allargarlo ad altre iniziative. «Vorremmo inoltre- continua l’assessore- proporre l’istituzione di un treno Liberty che potrebbe comprendere, nel suo itinerario, oltre al nostro comune, anche i comuni di Caltagirone, Comiso e Ispica, con i cui amministratori penso di incontrarmi presto per pianificare l’iniziativa. Per il treno Liberty, ritengo sarebbe interessante utilizzare un vecchio treno storico, così come ho già chiesto a Trenitalia. Il rilancio turistico del nostro territorio può e deve anche passare attraverso la ferrovia, il cui tracciato storico, risalente al periodo borbonico, pur non adatto alle nuove esigenze di collegamento veloce, per cui sarebbe auspicabile la progettazione di nuovi tracciati, si presenta molto suggestivo e può rappresentare una grande risorsa per lo sviluppo turistico».

(Nella foto in alto un momento della presentazione dell´edizione 2007 dell´Emaia)