Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 966
SCICLI - 12/07/2009
Agenda - Scicli: alta moda e non solo nel suggestivo scenario rupestre

Scicli: stasera "Moda e Architettura" a Chiafura

Un evento promosso dalla Cooperativa «Compagnia del Mediterraneo» Foto Corrierediragusa.it

"Moda e Architettura" a Chiafura. L´antico e suggestivo quartiere rupestre (nella foto) sarà lo scenario, unico nel suo genere, di un evento fashion e di architettura, promosso dalla Cooperativa «Compagnia del Mediterraneo» per stasera a Scicli, dalle 21. La scelta del luogo, che si estende nel punto di confluenza di due Cave, quella di San Bartolomeo e Santa Maria la Nova ed occupa tutta la parete del colle di San Matteo, non è casuale.

La prima edizione di «Moda e Architettura» vuole avere come riferimento territoriale la città di Scicli, simbolo del barocco siciliano e patrimonio Unesco, che custodisce il «tesoro» di Chiafura, costituito da grotte scavate nella roccia, distribuite su due livelli, raggiungibili attraverso antichi sentieri da via San Bartolomeo.

"L’idea di «Moda e Architettura»- spiega la dottoressa Laura Calabrese della cooperativa Compagnia del Mediterraneo- è fondata da un progetto culturale che ha come tema la città, il cui nucleo urbano diventa luogo di indagine, ispirazione e fonte di ricchezza culturale. L’evento vuole essere un’installazione vivente dove gli abiti (di alta moda), indossati da mannequin fluttuano e ondeggiano tra le architetture. Lo stilista che animerà la serata è Marco Strano, creatore di Moda e Designer. La sua formazione avviene presso la prestigiosa Maison Marella Ferrera".

Laura Calabrese si sofferma anche sulla location. "Costruire l’evento tutto attorno al sito rupestre è un grande sforzo organizzativo, però i luoghi meritano le luci della ribalta. Le «cento bocche» di Chiafura abitate fino alla fine degli anni ’50 del secolo scorso, rappresentano insieme al barocco, un’attrazione unica per i turisti ed i visitatori".