Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1114
RAGUSA - 26/04/2010
Agenda - Ragusa: una tre giorni di originale divertimento dal 30 aprile al 2 maggio

Le atmosfere dei Celtici nella diga di Santa Rosalia

La provincia di Ragusa si colorerà del verde d’Irlanda, grazie a "Triskelia", il festival celtico che raccoglie ogni anno sotto il fuoco druidico appassionati da tutta la regione Foto Corrierediragusa.it

Atmosfere magiche da bosco incantato, riti e canti celtici e tanto divertimento originale e alternativo per tre giorni, dal 30 aprile al 2 di maggio, nella diga di Santa Rosalia. La provincia di Ragusa si colorerà del verde d’Irlanda, grazie a "Triskelia", il festival celtico che raccoglie ogni anno sotto il fuoco druidico appassionati da tutta la regione.

«Triskelia nasce dalla combinazione – spiega Fiammetta Poidomani una delle organizzatrici - di due termini: Sikelia, antico nome greco della Sicilia e «triscele», dal greco tris-keles, «tre gambe», che indica qualsiasi simbolo con tre protuberanze ed una triplice simmetria rotazionale; può raffigurare tre spirali intrecciate o un essere con tre gambe. Era un simbolo che per i Celti simboleggiava Passato, Presente e Futuro».

Da una quindicina di anni nelle cosiddette «aree celtiche» (Irlanda, Scozia, Galles, Bretagna, Galizia e Asturie) non si contano più le mostre , le ricostruzioni storiche, i festival musicali, le rievocazioni in costume, gli eventi che si ispirano a questi antichi popoli. Una originale moda che da qualche anno oinvolge anche il nostro territorio, grazie ad un piccolo gruppo di appassionati di cultura celtica.

Esiste comunque un numero considerevole di «celtofili» in Sicilia. Gli stessi che si riversano, ogni anno, alla Diga di Santa Rosalia per ballare, cantare, mangiare e celebrare antichi riti celtici. «Quest’anno - aggiunge Fiammetta Poidomani - il programma è particolarmente vasto.

Cominceremo con i Bardi di Sadirvan che metteranno in scena delle rappresentazioni di leggende irlandesi. Ci sarà la musica dei Keltwind e dei Tir Na Nog che ricreeranno le magiche atmosfere di un bosco incantato. Il tutto tra stand di artigianato celtico, corsi di combattimento con spada e scudo e meditazione. Chi vorrà - conclude l´organizzatrice - inoltre potrà campeggiare in tenda nel sottobosco della splendida location della diga di Santa Rosalia»

Dunque per i moderni bardi e guerrieri non resta che preparare gli attrezzi del mestiere e recarsi a Santa Rosalia per una tre giorni all’insegna del verde della natura e del nero birra irlandese.