Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 974
RAGUSA - 24/12/2009
Agenda - Ragusa propone parecchi appuntamenti alternativi. Da vedere i presepi viventi

Natale a Ragusa e i presepi viventi in provincia

La crisi si fa sentire negli addobbi, ridotti, all’osso, ma il clima natalizio regna comunque Foto Corrierediragusa.it

Natale un po´ sottotono, a causa della crisi, anche a Ragusa, dove gli addobbi sono stati ridotti all´osso, come peraltro nel resto dei comuni iblei. Non mancano però le iniziative volte ad arricchire mente e spirito. L´iniziativa è, per lo più, affidata ai privati con almeno tre eventi culturali di un certo spessore: la mostra di Piero Guccione (galleria «Forni»), la mostra di Franco Cilia (centro di pastorale e cultura di palazzo Garofalo) e la mostra fotografica su Leonardo Sciascia di Giuseppe Leone («Degustarte»).

Alla Badia e in prefettura ci sono i presepi. Alla Badia, trenta maestri d´arte siciliani, espongono le loro creazioni (orari visite dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19); nel cortile della prefettura è stato invece allestito un presepe con statue a grandezza naturale, grazie al contributo di un gruppo di artisti di Grammichele.

Tra gli appuntamenti culturali, da segnalare due concerti. Il primo è in programma, al teatro tenda, venerdì 25, con inizio alle 20.30. In occasione della «Festa degli auguri», promossa dal comune, sul palco salirà la «East european orchestra», diretta dal maestro Michel Brousseau e che annovera anche il soprano Maria Knapic. Nel corso della serata, a ingresso gratuito e presentata da Federica Bisegna, spazio anche al coro «Mariele Ventre», a Peppe Arezzo e agli attori Gianni Battaglia, Pasquale Spadola e Marcello Perracchio. Il «Gran concerto» è l´evento che apre la rassegna musicale «Melodica».

Sabato 26, nell´auditorium della Camera di commercio, con inizio alle 20.30, il coro polifonico «Enarmonia», diretto dal maestro Giorgio Adamo, proporrà il suo spettacolo, in occasione di una serata promossa dalla sezione provinciale della Lega italiana lotta tumori. Il programma dello spettacolo, giunto alla sua terza edizione, comprende musiche e canti natalizi. Durante la serata, saranno raccolti fondi per finanziare la prevenzione dei tumori. Sabato 26, il castello rimarrà aperto al pubblico dalle 8 alle 14.

Il presepe vivente di Monterosso Almo attira visitatori da tutta la Sicilia orientale. L´ambientazione magica e suggestiva all´interno dell´intatto, urbanisticamente parlando, quartiere Matrice riesce a far vivere emozioni uniche. L´associazione «Amici del presepe», di anno in anno, non si risparmia nel curare tante ambienti. I curdari, u fìrraru, u cirnituri, a lavannara, scarparu e tante altre figure, ritornano protagonisti e si ripropongono alle nuove generazioni che stanno dimenticando anche il dialetto e la ricchezza di storia e di tradizione ad esso connesso. In questo viaggio dentro il tempo non si può non ascoltare le comari con il loro vastissimo repertorio di modi di dire e di pettegolezzi aggiornati all´ultimo minuto. Le rappresentazioni del presepe vivente sono in programma per il 26 e 27 dicembre, 1, 3 e 6 gennaio, con inizio alle 17.

Il presepe vivente di Giarratana, in questo lavoro di ricerca e riproposizione, non è da meno di quello della vicina Monterosso. Da mesi, i volontari sono al lavoro per mettere su una edizione del presepe vivente da ricordare, anche perché siamo alla 20. edizione. A dare la perfetta ambientazione sarà ancora una volta il quartiere Cuozzu, lungo un percorso che si snoderà tra antiche stradine e slarghi risparmiati dal divenire del tempo. Si potranno ammirare diverse scene di vita, per poi confluire nel luogo della Natività. Chi sceglierà il presepe di Giarratana avrà anche la possibilità di degustare, ancor prima della visita, diversi prodotti tipici locali. Quattro i giorni dedicati alla rivisitazione del natale: 26 e 27 dicembre, 3 e 6 gennaio, con inizio alle 18.

Il presepe vivente di Ispica è ambientato lungo i tornanti della Barriera che portano sino al parco Forza di Cava Ispica. Si suggerisce di lasciare l´auto all´interno della città e di utilizzare il bus navetta gratuito che ha il capolinea in piazza Regina Margherita. Sei le rappresentazioni previste: 25, 26, 27 dicembre e 1, 3 e 6 Gennaio (dalle 17 alle 21).