Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1038
RAGUSA - 24/11/2009
Agenda - La "stoccata vincente" del Maestro Giorgio Scarso

La Sicilia ospiterà i Mondiali di Scherma 2011

Sarà Catania ad accogliere l’evento dopo avere vinto la concorrenza di Budapest e della cinese Tianjin Foto Corrierediragusa.it

Il Maestro Giorgio Scarso (nella foto) piazza la "stoccata vincente". La Sicilia ospiterà i Mondiali di scherma del 2011. Sarà Catania ad accogliere l’evento dopo avere vinto la concorrenza di Budapest e della cinese Tianjin nella votazione tenuta nel corso del congresso della federazione internazione svoltosi in questi giorni a Palermo. L’operazione diplomatica condotta dal presidente della Fis, e vicepresidente della federazione internazionale scherma, ha portato la città etnea a superare prima la concorrenza di Tjaninn con 52 preferenze e poi a prevalere sulla capitale ungherese al ballottaggio con 62 voti su 52.

Il sicilianissimo Giorgio Scarso riesce dunque nel suo obiettivo superando difficoltà di ogni genere e dando all’isola una grande vetrina mondiale. Giorgio Scarso aveva prefigurato lo scenario nel suo intervento al teatro Garibaldi a Modica appena un mese fa in occasione dei 25 anni della Scherma Modica ma si era dichiarato fiducioso. E’ la vittoria del mondo schermistico italiano e dello sport italiano in generale che deve dimostrarsi all’altezza mentre alla Sicilia tocca ora l’occasione di mostrare il meglio di se stessa.

Il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli ha parlato di occasione di riscatto per tutta la città. «Sarà uno scenario di eccezione dice il sindaco di Catania- Puntiamo ad utilizzare il teatro greco quale sede di alcune gare per un contesto unico al mondo». Anche Antonello Buscema, sindaco di Modica, ha rivolto il suo saluto ed il suo ringraziamento a Giorgio Scarso per come ha gestito e superato concorrenze agguerrite.