Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:15 - Lettori online 951
RAGUSA - 10/05/2009
Agenda - Ragusa: celebrato il 157mo anniversario della fondazione del corpo

Ragusa: la Polizia tra le gente in piazza S. Giovanni

Il questore Giuseppe Oddo: "C’è più sicurezza insieme" Foto Corrierediragusa.it

Il 157 anniversario della fondazione della Polizia di Stato è stato celebrato questa mattina in una gremita piazza San Giovanni con tanti turisti e qualche extracomunitario che risiede nel centro storico. Una cerimonia ufficiale per una festa che è servita anche a fornire spunti di riflessione rispetto alla presenza criminale in provincia di Ragusa e all’impegno profuso dalla Polizia e in generale dalle Forze dell’Ordine.

E’ stato il questore Giuseppe Oddo a fornire, con un’ampia ed esaustiva relazione, tutti i particolari di un anno di attività svolta. Una sintesi completa che evidenzia l’assenza di omicidi anche se sono aumentati i tentati omicidi. C’è stata la riduzione delle rapine, del ben 7%, meno presenza di droga sul mercato, meno 5%, ed ancora riduzione del 12% del numero dei furti, riduzione del 50% del numero degli scippi, e del meno 22% dei furti di autoveicoli.

In diminuzione anche le truffe. Con questi dati, dove non mancano comunque punti negativi come l’aumento dei danneggiamenti mediante incendi o l’incremento delle estorsioni, il questore Oddo ha voluto testimoniare l’impegno della Polizia, sempre più presente in vari settori e in vari fronti, comprese le attività svolte dalla Polizia Stradale come le attività contravvenzionali, gli interventi di contrasto alla guida in stato di ebbrezza, l’attività di soccorso e di polizia giudiziaria.

La grande novità di quest’anno il «Va Pensiero», perfettamente eseguito dal coro della Polizia di Stato di Ragusa, che è stata una vera sorpresa. La voglia di stare tra la gente, alla base della cerimonia pubblica, sotto lo slogan «C’è più sicurezza insieme». Sicurezza e legalità, temi centrali della cerimonia, così come il questore Oddo ha ribadito l’importanza dei percorsi di legalità attivati nelle scuole e con il coinvolgimento delle famiglie. Una presenza costante che si manifesta con la Polizia di prossimità e con il potenziamento del servizio del poliziotto di quartiere.

Durante la festa sono state ricordate alcune operazioni importanti, come l’operazione Tsunami con 77 persone arrestate per associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di droga. Un settore in cui si è particolarmente intervenuti con il sequestro di alcune piantagioni. Oddo, chiudendo, ha annunciato la scelta del Comune di Ragusa di intitolare una strada a Giovanni Palatucci, questore di Fiume Italiana, in sette anni sottrae 5000 ebrei alla follia nazista, morendo poi a Dachau. (Fonte e foto: reteiblea.it)


FESTA DELLA POLIZIA 2009

IL PREFETTO UNITAMENTE AL QUESTORE PROCEDE ALLA CONSEGNA DI ATTESTATI AL PERSONALE DELLA POLIZIA DI STATO PARTICOLARMENTE DISTINTOSI IN OPERAZIONI DI SERVIZIO.

* COMMISSARIO CAPO DR. ROSARIO AMARU’

ENCOMIO

CON LA SEGUENTE MOTIVAZIONE «EVIDENZIANDO ELEVATE CAPACITA’ PROFESSIONALI ED ACUME INVESTIGATIVO, COORDINAVA UNA OPERAZIONE DI POLIZIA GIUDIZIARIA CHE SI CONCLUDEVA CON L’ARRESTO DI ALCUNI INDIVIDUI, RESPONSABILI DI ESTORSIONE».

GELA, 18 GENNAIO 2008

* VICE QUESTORE AGGIUNTO DR. FRANCESCO MARINO

LODE

CON LA SEGUENTE MOTIVAZIONE «PER L’IMPEGNO PROFUSO NEL DIRIGERE UNA INDAGINE DI POLIZIA GIUDIZIARIA CHE SI CONCLUDEVA CON IL FERMO DI ALCUNE PERSONE APPARTENENTI AD UNA ASSOCIAZIONE A DELINQUERE DI STAMPO MAFIOSO, DEDITA ALLE ESTORSIONI».

RAGUSA, 28 APRILE 2008

* VICE QUESTORE AGGIUNTO DR. ALFONSO CAPRARO

LODE

CON LA SEGUENTE MOTIVAZIONE «PER L’IMPEGNO PROFUSO NEL DIRIGERE UNA INDAGINE DI POLIZIA GIUDIZIARIA CHE SI CONCLUDEVA CON IL FERMO DI ALCUNE PERSONE APPARTENENTI AD UNA ASSOCIAZIONE A DELINQUERE DI STAMPO MAFIOSO, DEDITA ALLE ESTORSIONI».

RAGUSA, 28 APRILE 2008

* SOSTITUTO COMMISSARIO ALESSANDRO CASIRARO

LODE

CON LA SEGUENTE MOTIVAZIONE «DANDO PROVA DI CAPACITA’ PROFESSIONALE, PARTECIPAVA ALLE INDAGINI CHE CULMINAVANO NELL’ARRESTO DI SETTE PERSONE DI NAZIONALITA’ ALBANESE APPARTENENTI AD UNA ASSOCIAZIONE DEDITA AI FURTI IN ABITAZIONE».

RAGUSA, 27 FEBBRAIO 2007

ALCUNI OPERATORI DELLA POLIZIA DI STATO HANNO PROCEDUTO ALLA SIMPATICA CONSEGNA DI UNA TARGA AI PROPRI GENITORI, IN PASSATO ANCHE LORO APPARTENENTI A QUESTA ISTITUZIONE, A DIMOSTRAZIONE DI QUANTO FORTE SIA IL SENTIMENTO DI APPARTENENZA ALLA POLIZIA DI STATO:

ISPETTORE CAPO ROCCUZZO GAETANO

SOVRINTENDENTE RAGUSA GIUSEPPE

ASSISTENTE CAPO DOLZITELLI RICCARDO

ASSISTENTE CAPO MARCINNO’ VINCENZO

ASSISTENTE CAPO MORGANTE DANIELA

ASSISTENTE BARBAROTTA CALOGERO

ASSISTENTE DENARO CARMELO DAVIDE

ASSISTENTE TUCCIO GAETANO

ASSISTENTE RAMETTA MICHELE

AGENTE SCELTO IACONO MICHELE



UNO STRALCIO DEL DISCORSO DEL QUESTORE DI RAGUSA GIUSEPPE ODDO

INSIEME SI COSTRUISCE LA SICUREZZA: LA SINERGIA TRA LA POLIZIA DI STATO, I CITTADINI E LA REALTA’ SOCIALE CONSENTE INFATTI DI RISPONDERE AI BISOGNI DELLA COLLETTIVITA’, DELLA CITTADINANZA, CHE VA SEMPRE E COMUNQUE ASCOLTATA.

QUESTO GIORNO DI FESTA RAPPRESENTA UN’ULTERIORE OCCASIONE PER FAVORIRE L’INTERAZIONE TRA I CITTADINI E LA POLIZIA DI STATO, IN UN’OTTICA DI «SICUREZZA PARTECIPATA».

SICUREZZA E LEGALITA’ SONO INFATTI TRA I TEMI CHE MAGGIORMENTE PREOCCUPANO LA COLLETTIVITA’ CHE, SEPPUR IN UNA REALTA’ TRA LE PIU’ TRANQUILLE E SICURE COME RAGUSA, PERCEPISCE FORTEMENTE UN SENSO DI INSICUREZZA, SPESSO DERIVANTE DA TUTTI QUEI COMPORTAMENTI DEFINIBILI «INCIVILI», CHE VANNO DAGLI ATTI VANDALICI A VERI E PROPRI FENOMENI DELINQUENZIALI.

E’ NOSTRO COMPITO PERTANTO RASSICURARE I CITTADINI, PERSEGUENDO QUESTI FENOMENI DI INCIVILTA’ E DI COMPORTAMENTI LESIVI DELLA SFERA DI LIBERTA’ DI CIASCUNO.

L’AZIONE DELLA POLIZIA E’ DI CERTO AGEVOLATA SE INTERAGISCONO I VALORI PERSEGUITI DALLA FAMIGLIA, DALLA SCUOLA, DALLA CULTURA, DAL SENSO DELLO STATO.

OCCORRE INSISTERE NEI «PERCORSI DI LEGALITA’», CHE NASCONO NELLE SCUOLE E, ANCOR PRIMA, NELL’AMBITO DELLA FAMIGLIA.

BISOGNA RICERCARE I FONDAMENTI DELLA LEGALITA’, CHE NON CONSISTONO NEL RISPETTO DELLA LEGGE PER «PAURA» DEL POLIZIOTTO, MA DEVONO CONFIGURARSI COME IMPEGNO VERSO IL RADICARSI DI UN’ETICA PUBBLICA.

LA SICUREZZA VA COSTRUITA CON STRATEGIE A TUTTO CAMPO IN TEMA DI PREVENZIONE E REPRESSIONE, CON UNA PRESENZA SUL TERRITORIO SEMPRE PIU’ ATTENTA ALLE ESIGENZE DELLA GENTE PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLA PACIFICA CONVIVENZA.

E’ QUESTO IL CONCETTO DELLA «POLIZIA DI PROSSIMITA’», ED A TAL PROPOSITO VOGLIO RICORDARE CHE E’ STATO POTENZIATO IL SERVIZIO DEL «POLIZIOTTO DI QUARTIERE», CHE OPERA IN UNA SPECIFICA AREA TERRITORIALE, ENTRANDO NELLA VITA QUOTIDIANA DELLA COMUNITA’ LOCALE PER CONOSCERNE DINAMICHE E BISOGNI.

SONO FIERO DI POTER ASSERIRE CHE L’OPINIONE PUBBLICA, CONSAPEVOLE DELLO SPIRITO DI SACRIFICIO E DI ABNEGAZIONE RICHIESTI DA UN’ATTIVITA’ SEMPRE PIU’ COMPLESSA, CI INCORAGGIA A PROSEGUIRE SULLA STRADA INTRAPRESA.

LA POLIZIA DI STATO, NELLA LOTTA ALLA CRIMINALITA’ ED ALLE ILLEGALITA’ IN QUESTA PROVINCIA HA RIBATTUTO COLPO SU COLPO OGNI FENOMENO CRIMINALE.

GIUSEPPE ODDO