Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 766
RAGUSA - 11/08/2008
Agenda - Ragusa - A Marina i tradizionali festeggiamenti per ferragosto

Ragusa: arriva Santa Maria di Portosalvo

La tradizione la vuole come salvatrice di un naufrago Foto Corrierediragusa.it

Tra folklore e religione sta per arrivare l’appuntamento più atteso dell’estate iblea: la festa della Madonna di Porto Salvo a Marina di Ragusa.

Da tempo immemore infatti, il 15 di agosto, si festeggia questa miracolosa Madonna che la tradizione vuole come salvatrice di un naufrago, durante una tempesta. Ma la festa ha origini e motivazioni molto più radicate nel tempo. Gli antichi pescatori, salutavano proprio il 15 agosto come « u capu ro ?nviernu», cioè il primo giorno di inverno, anello di congiungimento tra la stagione estiva , foriera di grande pesca e di benessere, e la propiziazione per i mesi invernali a venire, durante i quali molto spesso, le barchette in legno restavano sulle battigie a causa dei marosi.

Oggi la festa forse è più intrisa di folklore che di religione, ma i fedeli non mancano.

La giornata comincia con la celebrazione religiosa in chiesa, e subito dopo, migliaia di persone si accalcano sull’arenile e nel lungomare, per vedere i giochi sull’acqua, ovvero il famoso «palo a mare» tipico di tutte le civiltà marittime del mediterraneo. Un piccolo peschereccio, ingrassa il palo principale dell’imbarcazione che, messo in parallelo con l’acqua , spinge tanti baldi giovani a salirvi sopra, tra mille astuzie e mille metodi, per arrivare alla punta e prendere il premio senza scivolare in acqua. Centinaia di natanti da diporto , provenienti da tutti i porticcioli della costa, fanno da cornice ai giochi.

Poi, verso le 18.00 un enorme corteo muove dalla chiesa fino al molo sottostante per accompagnare la Madonna che, con robuste cinghie, viene sollevata ed «imbarcata» a prua del famoso peschereccio chiamato « Mirrino». La vera processione della Madonna è proprio quella sul mare. Sul Mirrino sale anche il primo cittadino di Ragusa, ed anche quest’anno, come l’anno scorso, l’ospite sarà Nello DiPasquale assieme al gruppo bandistico che intona marce e musiche, durante tutta la processione. Il peschereccio, accompagnato da tantissime barche, natanti, e qualunque tipo di mezzo a motore che galleggi sull’acqua, percorre tutta la costa del litorale ricadente nel comune di Ragusa, mentre la Madonna di Porto Salvo, benedice i mari ed i naviganti.

A tarda sera infine, tutti sul lungo mare o in barca, per vedere i famosissimi giochi pirotecnici sull’acqua?mare consentendo.