Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 451
RAGUSA - 28/06/2008
Agenda - Ragusa - Tanti piccoli cantanti in erba per un posto al sole

Ragusa: selezioni Zecchino d´Oro

Da "Il bullo citrullo" alle «Tagliatelle di nonna Pina» Foto Corrierediragusa.it

In principio fu il mago Zurlì. Correva l’anno 1959 quando a Milano Cino Tortorella (nella foto con Topo Gigio) presentò la prima edizione dello Zecchino d’Oro, il celeberrimo concorso canoro riservato ai più piccoli, poi traslocato in via definitiva all’Antoniano di Bologna. A distanza di quasi mezzo secolo, mago Zurlì calca ancora la scena, anche se con qualche acciacco in più. Ma le generazioni cambiano, e i piccoli aspiranti cantanti di oggi non sanno nemmeno chi sia il personaggio che rese famoso Tortorella.

Ma resta però immutato il fascino delle selezioni nazionali dello Zecchino, che hanno adesso interessato anche Ragusa. Il circolo didattico «Mariele Ventre», intitolato proprio alla direttrice d’orchestra più amata dai bimbi che furono, ha richiamato aspiranti cantanti in miniatura provenienti da tutta l’Isola. Da «Il bullo citrullo» alle «Tagliatelle di nonna Pina», passando per «La dottoressa Lulù», i piccoli hanno sfoderato tutto il repertorio di 49 anni di Zecchino, con le loro vocine adorabili e tanta determinazione. Ad ascoltare i bimbi la selezionatrice Liliana Caroli, che svolge questo campito da ben 40 anni. E allora altri 50 anni di questo Zecchino d’Oro, e in bocca al lupo ai piccoli aspiranti.