Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 386
RAGUSA - 12/05/2008
Agenda - Ragusa - A cura degli Uffici di Pastorale Giovanile e della Salute

Incontro su Viviana Lisi,
una testimone di "relazione"

Alle 20 nell’Auditorium della Camera di Commercio Foto Corrierediragusa.it

«Viviana Lisi: una ragazza testimone di «relazione»: continua il ciclo di appuntamenti organizzati dalla Diocesi di Ragusa per approfondire le tematiche relative al piano pastorale diocesano per l’anno 2007/2008, «Educhiamoci alla relazione con Dio e con i fratelli».

Stasera a Ragusa alle 20, nell’Auditorium della Camera di Commercio, e il 14 maggio, a Vittoria, nella Sala Riunioni del Teatro Golden, sempre alle 20, si terranno due incontri su Viviana Lisi, «una ragazza testimone di «relazione», che ha vissuto all’insegna dell’Amore verso Dio e verso il prossimo.

Una ragazza come tante altre che ha vissuto le tensioni, le problematiche e le fatiche di tutti. La sensibilità particolare, della quale era dotata, le ha permesso di avvertire e di constatare i disagi ed i drammi degli altri e di sentirli come propri. E’ riuscita così a trascrivere stati d’animo e sensazioni di vita che, anche se non le appartenevano, erano diventati suoi».

Viviana Lisi è nata a Catania il 28 luglio 1975. Dopo la laurea in Lingue e Letterature straniere ed i master post-universitari in «Politiche sociali, Pari Opportunità e Culture Mediterranee, esperta nei processi di mediazione culturale», aveva aderito alla Croce Rossa, rivolgendo il suo impegno verso i bambini di una Casa Famiglia e verso gli anziani dello Stabilimento Invalidi. Si era dedicata anche alle persone senza «fissa dimora», ai malati di Aids presso la «Tenda» di Mangano, agli ospiti della mensa della Casa Sollievo «San Camillo» di Acireale. Nel 2003 entrò a far parte della Famiglia Camilliana Laica. Dopo una breve malattia, affrontata con lucidità e dignità, è morta il 20 gennaio 2007. Traendo ispirazione dalle sue ultime volontà, è nata la «Casa della Speranza», a favore degli ultimi.

I due incontri sono stati organizzati dall’Ufficio di Pastorale Giovanile e dall’Ufficio per la Pastorale della Salute. Il programma prevede il saluto del vescovo, monsignor Paolo Urso, la riflessione di fratel Carlo Mangione (Camilliano) sul tema «Viviana: una testimonianza ordinaria di relazione con Dio e con i poveri», e quella offerta di Sario Valastro (presidente dell’associazione Viviana Lisi), sul tema «Associazione Viviana Lisi: un’istituzione per dare voce a chi non ha voce».