Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 748
RAGUSA - 15/01/2013
Agenda - Iniziativa finalizzata a favorire il finanziamento per sconfiggere la malattia

A Ragusa uno spettacolo contro la sclerosi multipla

Sabato 26 gennaio alle 21 e domenica 27 gennaio alle 18 la compagnia La Cassa Mutua, presso la Scuola dello Sport di Ragusa sita in via Magna Grecia

Ogni quattro ore in Italia una persona riceve la diagnosi di sclerosi multipla: due volte su tre è una donna. L’Associazione Italiana Sclerosi Multipla, attraverso la sua fondazione - Fism, finanzia in Italia il 70% della ricerca scientifica sulla malattia. L’Associazione Italiana Sclerosi Multipla, è presente anche a Ragusa con una Sezione provinciale in via Carducci 192 e a Comiso con un «Gruppo Operativo Ippari».

Per aiutare e finanziare la ricerca sabato 26 gennaio alle 21 e domenica 27 gennaio alle 18 la compagnia La Cassa Mutua, presso la Scuola dello Sport di Ragusa sita in via Magna Grecia, porterà sulla scena una commedia dal titolo «Poveri ma disonesti», il cui ricavato verrà devoluto all´Associazione Italiana Sclerosi Multipla, sezione provinciale di Ragusa.

Per informazioni rivolgersi all´Aism, tel. 0932 /686586; cell. 335/8084829.

La sclerosi multipla si manifesta per lo più tra i 20 e i 30 anni, il periodo di vita più ricco di progetti importanti come lo studio, il lavoro, la famiglia. Cronica, invalidante ed imprevedibile la sclerosi multipla è una malattia grave del sistema nervoso centrale. L’Associazione Italiana Sclerosi Multipla, è attiva sul territorio nazionale con oltre 10mila volontari impegnati a diffondere una corretta informazione sulla malattia, promuovendo ed erogando servizi sanitari e sociali adeguati e favorendo iniziative di raccolta fondi per sostenere la ricerca scientifica.