Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1034
MODICA - 05/03/2010
Agenda - Modica: in occasione della festa dell’8 marzo

«Les fémmes à la rose» al teatro Garibaldi

I due soprani Angela Lo Presti e Deli Maria Scimone insieme ai due alti Lina Lo Coco e Francesca Martino si esibiranno accompagnati al pianoforte da Fabio Ciulla Foto Corrierediragusa.it

Un amore sviscerato per il «cantare insieme», inteso come diletto, ed un interesse quasi filologico per la canzone d’autore, che affonda le radici nell’aria da camera dell’Ottocento italiano, stanno all’origine del quartetto vocale femminile «Les fémmes à la rose», che sarà protagonista della Festa della Donna al Teatro Garibaldi di Modica.

Il loro concerto è stasera alle ore 18, nell’ambito della Stagione 2010: si tratta in realtà di una sorta di «fuori sacco», che vuole offrire un gradevole momento di condivisione, grazie ad un omaggio fatto alle donne dalle donne.

I due soprani Angela Lo Presti e Deli Maria Scimone insieme ai due alti Lina Lo Coco e Francesca Martino si esibiranno accompagnati al pianoforte da Fabio Ciulla, che cura anche l’elaborazione musicale del loro progetto, sin dalla nascita del gruppo avvenuta nel 1993 all’ombra del Teatro Massimo di Palermo. Il quartetto affronta un repertorio che va da Schumann a Tosti, ma la loro più grande passione è la canzonetta tra le due guerre, quando alla tradizionale vena melodica italiana si aggiungono timidamente i ritmi d’oltreoceano, e «le donne al profumo di rosa» dell’ultimo periodo della belle époque diventano meno languide e più emancipate e volitive.

Lo spettacolo dell’8 marzo è fuori abbonamento. I biglietti sono disponibili al botteghino, al prezzo unico di 5 euro per l’intero o di 3 euro per il ridotto. Tutte le informazioni sono disponibili su www.fondazioneteatrogaribaldi.it.