Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 853
MODICA - 18/02/2010
Agenda - Modica: la terza sezione dell’articolata Stagione 2010

«Teatro dell’Identità» al Garibaldi di Modica

Domenica 21 febbraio alle ore 18

Dopo la prosa e la musica, è la volta del «Teatro dell’Identità», la terza sezione dell’articolata Stagione 2010 del Teatro Garibaldi di Modica, che prenderà il via domenica 21 febbraio alle ore 18.

La scelta della data e dell’ora, così come della denominazione e dei titoli, non sono casuali: a questa sezione, infatti, la Fondazione Teatro Garibaldi affida il compito di allargare il coinvolgimento della città intorno al teatro, che deve diventare sempre più un «polmone» di cultura, ma dev’essere un luogo di tutti, lo spazio adatto per un tempo vissuto come partecipazione dinamica, come confronto maturo, come crescita collettiva. La domenica pomeriggio incoraggia le famiglie, gli anziani, i giovani, a spendere il proprio tempo libero in Teatro. E porta tutti dinanzi ad un’arte costruita intorno al tema della «identità», ad opera dei più affermati e maturi artisti locali.

Il 21 febbraio si comincerà con Luigi Pirandello e il suo «Ccu i ‘ngunati gialli», con la regia di Saro Spadola e la direzione scenica di Enzo Ruta. Sul palco ci saranno Giorgio Barone, Vittorio Rubino, Katia Cannata, Giovanni Favaccio, Gaetana Ascenzo, Daniele Cannata, Maria Concetta Ruta, Pietro Latino, Orazio Giannì.

«Ccu ‘i nguanti gialli» è del 1920 ed è la versione siciliana di «Tutto per bene», opera teatrale ricavata dall’omonima novella pirandelliana. Questa commedia segna l’addio di Pirandello al teatro dialettale e, rispetto a «Tutto per bene», cavallo di battaglia di Ruggero Ruggeri, cambia in parte la trama e i nomi dei personaggi, collocando l’ambientazione in un generico capoluogo di provincia della Sicilia. L’intreccio della commedia pirandelliana propone, fra commedia e grottesco, il tema della paternità e vive del triangolo fra don Masinu Teri, archivista in pensione (Giorgio Barone), la figlia Palma (Katia Cannata) e il commendatore Saru Nicosia (Vittorio Rubino).

I biglietti sono prenotabili al botteghino: il prezzo varia dai 10 euro della platea ai 2 euro del loggione, ma sono previste riduzioni per gli under 18 e gli over 65, per i gruppi superiori a 10 persone e, in questo caso, anche per gli abbonati alle sezioni di prosa e musica.

Tutte le informazioni e il calendario completo sono disponibili su www.fondazioneteatrogaribaldi.it.