Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 754
MODICA - 18/11/2007
Agenda - Modica - Nel palazzo della cultura di corso Umberto I

Convegno sui 100 anni
dello scoutismo

La mostra « Dal seme ai frutti « aperta fino a martedì prossimo Foto Corrierediragusa.it

Scoutismo come metodo educativo. E’ stato questo il tema del convegno che ha celebrato i cento anni dello scoutismo; a palazzo della cultura è stata anche allestita una mostra fotografica dal titolo « Dal seme ai frutti; la storia, il metodo ,l’attualità dello scoutismo». La mostra sarà ospitata fino a martedì prossimo per poi trasferirsi a Palermo, Catania e Messina.

Modica è la prima tappa di questo itinerario ed è stata voluta nel distretto della diocesi netina per sottolineare la presenza incisiva del movimento scoutistico dagli anni 50’ in poi. Il Masci, movimento degli scout adulti , e l’Agesci, si sono fatti carico della organizzazione del convegno e della mostra allestita al palazzo della cultura.

La prima giornata ha visto il saluto delle autorità,il sindaco Torchi, il presidente Antoci ,l’on. Ragusa, il vicario foraneo Don Bonincontro e l’assistente spirituale degli scout don Ruta che ha portato il saluto del vescovo; presenti centinaia tra lupetti e guide con tanto di stendardi e bandiere dei gruppi di appartenenza. Ieri si è tenuto il convegno che ha visto la relazione di Romano Forleo, scrittore ed ex capo Agesci, che ha parlato della sua esperienza formativa tra gli scout.

« Il gioco e l’avventura sono mezzi importanti per aiutare a far crescere la persona ? ha detto Forleo ? Essere scout vuole dire anche tolleranza delle idee altrui, e dei comportamenti dell’altro ma essere anche attenti alla «profezia» che esiste in ognuno di noi».

Gianluca Burderi dell’Agesci e Maria Grazia Ruta del Masci hanno accolto la comunità scoutistica della città che per l’occasione della mostra ha fatto festa per rivedere attraverso le foto ed i pannelli della mostra i fatti salienti della storia del movimento. Numerose le foto che riguardano la Sicilia ed i gruppi costituiti nelle varie città. I 65 pannelli conducono mano per mano nell’essenza dell’essere scout.

« Nella nostra zona che comprende la diocesi di Noto ? dice Gianluca Burderi ? il movimento è quanto mai vivo. Contiamo sei gruppi Masci, di cui tre a Modica e dieci gruppi Agesci. A Modica siamo in 250 tra capi e ragazzi e siamo una realtà viva ed aperta.»