Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1547
MODICA - 01/12/2008
Agenda - Modica - La mostra curata da Emilio Cicciarella e Franco Ruta

Modica: "L´immagine ritrovata"

Un excursus storico sui luoghi del film "Anni difficili"
Foto CorrierediRagusa.it

«L’immagine ritrovata» è il tema della mostra fotografica esposta al palazzo della cultura nell’ambito delle manifestazioni che salutano il ritorno del film «Anni Difficili» nella sua versione restaurata. Emilio Cicciarella e Franco Ruta (da sx nella foto) hanno raccolto e presentato documenti d’epoca, giornali, immagini originali, che fanno ripercorrere la realizzazione del film di Luigi Zampa nel 1948. Dalla mostra traspare subito una Modica anche allora vitale, effervescente , come si deduce dalla pubblicità sui fogli della «Voce di Modica», dalla tensione politica ed intellettuale dei protagonisti del tempo.

La mostra si completa con un documentario di Emilio Cicciarella che presenta immagini della Modica del tempo, così come appare nella pellicola, ed i luoghi odierni, inframmezzati da alcune testimonianze personali di quanti parteciparono indirettamente alla lavorazione del film. Il contesto della Modica del 48’ ci appare comunque vicino, con lo scenario delle sue chiese, le scalinate, i balconi che si affacciano sul corso pur se emergono alcune ferite; come non sottolineare quella del vecchio albergo Bristol e dell’annessa chiesa di S. Agostino sulla quale sono passate le ruspe della modernizzazione degli anni 60’.

« Anni Difficili» ricorda a tutti la Modica del primo dopoguerra ma anche una contesto urbano che ha saputo mantenere la sua identità di fondo che resta oggi la sua forza. Alle generazioni più giovani rispetto a quella stagione il piacere e quasi il compito di scoprire quella città grazie alle proiezioni della pellicola in programma da sabato prossimo al teatro Garibaldi.