Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 643
MODICA - 17/09/2008
Agenda - Modica - La poesia a tratti ermetica dal linguaggio ricercato

Modica: torna il Sabato letterario

? la lirica di Antonio Lonardo, già docente all’Itc Archimede Foto Corrierediragusa.it

Una poesia a tratti ermetica, caratterizzata da un linguaggio ricercato, ricco di metafore, simboli, accostamenti analogici, a volte ridondanze; una poesia non immediata, ma che risulta, comunque, espressione genuina delle emozioni del poeta, del suo interrogarsi sul significato dell’esistenza, divenendo luogo e strumento di ricerca del Sé.

? la lirica di Antonio Lonardo, già docente all’Itc Archimede di Modica, e membro del Caffè Letterario Quasimodo, che ha voluto dedicare alla nuova raccolta del poeta ?Le stagioni del cuore’, il primo Sabato letterario, cui seguiranno numerosi altri appuntamenti culturali. Nell’opera, che segue la prima raccolta ?Desiderio di luce’, che ha visto tanti riconoscimenti in concorsi letterari, «il poeta - ha spiegato Domenico Pisana, presidente del Caffè Quasimodo - dà voce alle singole parole del cuore che maturano nei vari accadimenti umani, trasformandole in un linguaggio poetico intenzionale, cioè strutturalmente fatto e costruito per significare intenzioni, affetti familiari, idee, sentimenti, messaggi etici e sociali, desideri reconditi e inespressi».

«Il fluire del tempo ha trovato il suo ritmo nelle poesie di Lonardo - ha detto il prof. Antonio Daniele, dirigente scolastico, definendo la lirica di Lonardo ?barocca’ ed ?esaltatrice della ricchezza umana’ -. ? il sussurro della memoria, cadenzato nei giorni che furono e che saranno; è la parola che materializza remote sensazioni ad ogni nuovo sentire; è indagine filosofica». Interessante lettura critica, infine, quella della prof.ssa Lucia Trombadore, che ha individuato un percorso interiore che si sviscera in più liriche fino alla ricerca della condizione «dell’anima felice». Ad accompagnare il recital di poesie di Vittorio Rubino il Maestro Sergio Carrubba con brani originali che hanno fatto vibrare le corde del cuore.