Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 902
MODICA - 27/02/2015
Agenda - Affollatissimi i due appuntamenti al teatro "Garibaldi" e all’Auditorium "Ferreri" ad Ibla

Giovanni Caccamo è ritornato a casa ed è subito trionfo

Disponibile ed affabile,il vincitore di Sanremo Giovani ha firmato centinaia di autografi e abbracciato gli amici Foto Corrierediragusa.it

Giovanni Caccamo (nella foto: al centro con gli zii Saro e Giorgio) è ritornato. La sua "ritornerò da te" con la quale ha trionfato tra le Nuove Proposte a Sanremo è stata, e non poteva essere altrimenti, la nota dominante dei suoi due appuntamenti iblei. Prima a Modica, città natale e di origine dei genitori e poi a Ragusa, dove risiede oggi con la madre. Un pubblico eterogeneo, trasversale, composto da persone mature e dai loro nipotini, intere famiglie, ha abbracciato Giovanni Caccamo, sempre disponibile, allegro e con quale faccia "pulita" che lo contraddistingue ed è stata anche un elemento importante della sua breve carriera. Al Teatro Garibaldi Giovanni Caccamo ha ricordato insieme ai suoi due docenti di pianoforte e di canto, Mariolina Marino e Elisa Turlà, il suo primo contatto con la musica. Le prime timide esibizioni in famiglia e per le feste degli amici. Oggi il giovane Caccamo, 24 anni, non è cambiato da quell´adolescente e non vuole neppure essere cambiato dal successo.

"L´arte è un filo invisibile sul quale camminare -ha detto- Bisogna camminarci sopra in equilibrio altrimenti si rischia di cadere. Io voglio mantenere questo equilibrio". Poi palcoscenico tutto per lui con l´immancabile pianoforte e già dalle prime note sono arrivati gli applausi e le richieste di bis. Poi spazio per gli autografi e via veloce verso l´auditorium Ferreri" a Ibla dove Giovanni Caccamo, pur pressato dagli agenti per il ritardo, non si è scomposto più di tanto. Ha stretto centinaia di mani, ha cantato con lo stesso entusiasmo e firmato cd e diari scolastici. Un trionfo tra i suoi concittadini che non avrebbe immaginato appena qualche mese fa.