Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 273
MODICA - 08/10/2007
Agenda - Modica - Appuntamento stasera al teatro Garibaldi

Il Premio alla Modicanità
festeggia il quarto di secolo

Momento di riflessione sull’identità culturale Foto Corrierediragusa.it

Il premio alla modicanità taglia il traguardo dei 25 anni. Il premio ideato e voluto dal presidente della Pro Loco Raffaele Galazzo si tiene per questa edizione oggi alle 18.30 al teatro Garibaldi. Per il secondo anno consecutivo il premio lascia dunque l’aula consiliare di palazzo S. Domenico per accogliere premiati, invitati e cittadini ad un festa che vuole essere un momento celebrativo ma anche di riflessione sull’identità culturale della città.

« Il premio ? dice il presidente del consiglio Enzo Scarso (nella foto)? non è auto referenziale ma mette in mostra l’effervescenza della città in tutti i vari settori; è inoltre pungolo per i giovani a far bene e rappresenta comunque un momento di crescita per tutti noi».

Otto in tutto i premiati della 25ma edizione; il primo ad essere premiato sarà proprio il suo ideatore Raffaele Galazzo, cui andrà il premio d’onore. Sarà poi la volta del giovane regista Luca Scivoletto, del giornalista Vincenzo Grienti dell’ufficio stampa della Conferenza episcopale italiana, della creatrice di moda Ottavia Failla, del francescano Giovanni Salonia, educatore di giovani e di Beppe Baschetto titolare della Itc 2000 con sede a Bologna e produttore cinematografico. Due i premi alla memoria; il primo a Concetta Grimaldi, che ha fatto dono di un archivio letterario alla biblioteca comunale; il secondo per Vitaliano Brancati, scrittore che passò in città un periodo significativo della sua gioventù.

La serata di sabato sarà presentata da Giovanni Spadola, Simonetta Cartia e Carmen Frasca per la coreografia di Serena Cartia.