Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 866
COMISO - 14/05/2009
Agenda - Comiso: stasera la Via Matris, fissata per le 20

Comiso: entra nel vivo la festa di Maria Ss Addolorata

Festeggiamenti organizzati dal comitato della Chiesa Madre presieduto dal suo presidente, l’arciprete parroco Don Antonio Baionetta

Entrano nel vivo a Comiso i festeggiamenti in onore di Maria Ss Addolorata, allestititi dal comitato organizzatore della Chiesa Madre presieduto dal suo presidente, l’arciprete parroco Don Antonio Baionetta, e dal suo vice, dott. Raffaele Elia, che raggiungeranno l´apice nella giornata di domenica prossima.

Nella Chiesa Madre, al termine della Celebrazione Eucaristica, l’ultima esecuzione del Settenario, canto che, per tradizione, si esegue per sette giorni consecutivi, ossia dal venerdì precedente la domenica della cena fino al giovedì antecedente la domenica della festa.

Si tratta di un’opera divisa in sette strofe, ciascuna composta di otto ottonari piani, musicate a due a due per una voce, mentre l’ultima strofa si canta a tre voci, vale a dire da due tenori e da un baritono. Il settenario fu composto a mettà Ottocento dal Maestro Filippo Messineo, primo direttore della banda, allora municipale, di Comiso. Da allora il settenario è stato sempre eseguito dalla banda, per la via Matris esterna, e dall´organo in chiesa.

Quest’anno il canto del Settenario è stato adempiuto da Antonio Alecci, Salvatore Bonaffini, entrambi tenori, e Alessandro Vargetto, solisti del Teatro «V. Bellini» di Catania, accompagnati dall’orchestra sinfonica «Casmenarum Regina» diretta da Andrea Strada.

Stasera invece è prevista la Via Matris, fissata per le 20, tradizionale processione della venerata immagine della Vergine Addolorata, accompagnata dal canto del Settenario e seguita dal corpo bandistico «A. Pulvirenti» di Comiso. Al rientro in Chiesa Madre, sarà eseguita la benedizione dei portatori della Beata Vergine Addolorata ed infine sarà intonato, dalla corale parrocchiale e dal coro delle voci bianche, diretti dalla Maestra Maria Lucia Faro, il canto dello Stabat Mater.