Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 603
CHIARAMONTE GULFI - 07/08/2008
Agenda - Chiaramonte - Fino al 15 agosto la tradizione della "Quindicina"

Chiaramonte: festa Madonna di Gulfi

Il culmine nella celebrazione della Festa dell’Assunta Foto Corrierediragusa.it

La città di Chiaramonte e la devozione alla Madonna di Gulfi. Dall’1 al 15 agosto rivive l’antica tradizione della «Quindicina» dedicata alla Vergine che, secondo un’antica leggenda, avrebbe privilegiato la cittadina scegliendola come «approdo» del suo peregrinare, dopo essere stata salvata dalla persecuzione iconoclasta dell’antica Bisanzio (oggi Instanbul).

La festa in onore della Madonna di Gulfi si svolge nella Domenica in Albis: la statua (interamente in pietra e forse di origine bizantina) viene portata a braccia dal santuario a lei dedicato (a quattro chilometri dal centro abitato) fino alla Chiesa Madre dove rimane per dieci giorni (La «Salita della Madonna). Nel pomeriggio del mercoledì della settimana successiva, dopo il tradizionale «cuncursu» (la processione per le vie della cittadina), il simulacro viene riaccompagnato nel suo santuario («Discesa della Madonna»).

Il tradizionale attaccamento alla Vergine di Gulfi (che fonti storiche vorrebbero risalire fino al Tardo Medioevo) viene rinverdito nei primi quindici giorni di agosto: due celebrazioni si svolgono ogni giorno alle 6,30 del mattino e la sera, alle 19. Vari sacerdoti della Diocesi si alternano nella celebrazione. Particolarmente suggestiva la «messa all’alba» che, nei decenni passati, vedeva i chiaramontani scendere a piedi verso il santuario lungo i tornanti a ridosso del centro abitato. Oggi, la presenza delle auto, ha ridotto tale usanza, ma la messa all’alba è sempre molto partecipata. La «quindicina» avrà il suo culmine nella celebrazione della Festa dell’Assunta, il 15 agosto.