Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 653
CHIARAMONTE GULFI - 10/08/2011
Agenda - Da oltre mezzo secolo questo appuntamento dell’estate è l’evento che caratterizza la cittadina iblea

Tutto pronto per il magico Gran galà di Ferragosto

Oltre al ricco e variegato buffet una grande orchestra, composta da 11 elementi, farà da colonna sonora alla serata Foto Corrierediragusa.it

A ben guardare negli annali degli eventi estivi in provincia nessuno è durato più di un lustro o al massimo un decennio. Eccezione fatta per il gran galà di ferragosto ai giardini comunali che quest’anno accende la sua 60^ candelina. Da quei vialetti e da quella pista da ballo sono passate tante generazioni. Si sono incontrate e amate tante persone.

Mi sovviene alla mente di un magistrato che ha conosciuto l’amore della sua vita una notte di ferragosto. Da quell’anno e fin quando ha esercitato la sua professione in Sicilia è sempre ritornato. E’ solo un esempio tra i tanti. Anche quest’anno la villa comunale, tirata a nuovo, sarà la protagonista di questo straordinario evento che appartiene alla storia del costume. Una festa particolare ed esclusiva aperta a tutti, con un’unica limitazione:avere un abbigliamento consono con lo stile della serata. A fare gli onori di casa il Sindaco, Giuseppe Nicastro e l’assessore al Turismo Antonella Occhipinti che ha curato tutta l’organizzazione del gran galà. Ancor prima del ballo un ricco e curato buffet di specialità locali, poi un’intera notte tra vialetti e la pista.

Un copione che si rinnova ma che non ha mai perso il suo fascino. Ad allietare la serata «I Samarcanda», gruppo musicale di ben undici elementi, oggi considerato una delle migliori formazioni che suonano in Sicilia. Grazie a questi musicisti e al ricco repertorio ognuno troverà quel motivetto che gli è particolarmente caro. E tutto ciò durerà fino alle prime luci dell’alba, quando dal Monte Arbicessi i bagliori del nuovo giorno faranno risaltare i colori della valle. Tutto cambia, è vero. Ma ci sono cose che il tempo non dilava, ritocca al massimo.

E quelle emozioni che ha vissuto il compianto Gesulado Bufalino, quando da giovane varcava il cancello della villa comunale per bearsi di quel mondo magico che animava la notte di ferragosto, sono le stesse che si portano dentro le tante anonime persone che almeno una volta nella vita hanno ballato, a ferragosto, a Chiaramonte Gulfi.