Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1040
ACATE - 11/09/2008
Agenda - Acate - Domenica alle 18 al Castello dei Biscari

Azzurro mediterraneo: seminario Acate

Un altro approfondimento delle tematiche della piccola pesca Foto Corrierediragusa.it

Un altro momento di approfondimento delle tematiche della piccola pesca, nell’ambito del progetto «Azzurro Mediterraneo», si avrà domenica 14 settembre alle ore 18 al «Castello dei Biscari» di Acate col seminario formativo sul futuro del mare: «interventi per la razionalizzazione delle risorse biologiche».

Dopo il saluto del sindaco di Acate Giovanni Caruso, del presidente della Provincia Franco Antoci, del presidente della Sogevi Giovanni Denaro e del coordinatore del progetto «Azzurro Mediterraneo» Rosario Alescio, nonché degli assessori allo Sviluppo Economico provinciale Enzo Cavallo e di Alice Pepi, assessore allo Sviluppo Economico del comune di Acate, sono previste le relazioni di Giovanni Basciano (Vice presidente Aigc/Agrital), di Concetta Messina, docene di Biochimica Marina al Dipartimento di Scienze Biochimiche dell’Università di Palermo, di Francesco Sacco e di Andrea Santulli dell’Istituto di Biologia Marina del Consorzio Universitario di Trapani.

Il seminario punta ad illustrare le potenzialità offerte dalla ricerca scientifica a supporto della pesca. Per contribuire al miglioramento del settore pesca, infatti, si può intervenire con azioni innovative, messe a punto nel corso delle ricerche finanziate dal POR Sicilia 2000/06. A questo proposito, verranno illustrati tre casi-studio, che potrebbero contribuire, in un futuro non molto lontano, al miglioramento e alla razionalizzazione della filiera della pesca siciliana. Si tratta della promozione del consumo di specie ittiche sottoutilizzate, del ripopolamento attivo di alcune specie ittiche di elevato valore commerciale e della possibilità di estrarre «molecole buone» dagli scarti di pesca. Nel corso del seminario saranno altresì descritte le potenzialità e le opportunità che i prossimi bandi strutturali offrono in questa direzione.